Uesse stangata e nervosa: due turni ad Auteri

Stop anche per il vice Cassia, Riggio, Iuliano e il dirigente Gallo

“La Stangata” è un film del 1973 diretto da George Roy Hill, con Paul Newman e Robert Redford, vincitore di ben 7 premi Oscar. Un titolo significativo che si lega perfettamente con la situazione dell’US Catanzaro. La squadra giallorossa, dopo i vari torti arbitrali subiti contro Casertana, Reggina, Juve Stabia, Bisceglie, Catania, Cavese e Matera si trova nuovamente a recriminare per l’ennesimo direttore di gara definito da molti “protagonista”. Il signor Sozza della sezione di Seregno, il match di Caserta, valevole per la 4^ giornata, nel quale aveva assegnato un dubbio rigore ai campani, ha sbagliato nuovamente, convalidando il raddoppio fantasma del Trapani. Nell’occasione, Pagliarulo carica irregolarmente l’estremo difensore giallorosso Furlan, spingendo la palla verso la porta, senza che quest’ultima sia entrata totalmente. Un episodio che ha fatto imbufalire mister Gaetano Auteri, il suo vice e tutta la panchina giallorossa. Per gli “sfoghi”, se così possiamo definirli, il tecnico siciliano è stato squalificato due giornate mentre Cassia per una. A queste decisioni del Giudice Sportivo vanno aggiunto i 1000 euro di multa e gli stop di Riggio e Iuliano (diffidati e ammoniti) oltre a quella del dirigente Carmine Gallo. Scorie difficili da smaltire e che si aggiungono alle arrabbiature dovute ai punti persi per strada. La malafede delle vecchie “giacchette nere” non esiste, chiariamo. E’ solo che tutto l’ambiente giallorosso vorrebbe vedere arbitrare persone preparate, come ha fatto intendere nei giorni scorsi il presidente Floriano Noto.GLI ERRORI ARBITRALI CONTRO L’UESSE [VIDEO]

Al netto delle decisioni arbitrali, il ko di Trapani ha fatto capire ancora una volta che al Catanzaro manca la cattiveria sottoporta. Un bomber di razza sarebbe servito già mesi fa, figuriamoci adesso, specialmente sui campi pesanti. Anche al “Provinciale”, nonostante le varie occasioni create, i giallorossi sono andati in rete solo grazie al rigore di Kanoute, segno che un finalizzatore vero e proprio è necessario anche in ottica play-off. In tal senso, il mercato di riparazione che partirà tra pochi giorni, potrebbe essere utile. Oltre al reparto offensivo, sono evidenti i limiti di organico a centrocampo, causati da infortuni e squalifiche, con Maita apparso stanco insieme a Iuliano. Il diesse Pasquale Logiudice avrà il suo bel da fare per rinforzare una rosa che merita ampiamente di stare ai piani alti della graduatoria. Intanto, nella trasferta di Potenza, malgrado i problemi di formazione, servirà un Catanzaro coriaceo, con la voglia di vincere una gara difficile. I tre punti sarebbero fondamentali per rasserenare un ambiente apparso nervoso e per far trascorrere la lunga pausa invernale con più serenità.