Noto : “Tanta delusione e rabbia, ma non lasciateci soli!”

Il massimo dirigente giallorosso si assume responsabilità temendo scollamento dell'ambiente

Dopo la sconfitta di Matera – GUARDA QUI PAGELLE E SINTESI COMMENTATA – il calcio catanzarese registra una comunicazione ufficiale del massimo dirigente giallorosso.“Che sia un momento difficile è innegabile – afferma Floriano Noto –  La squadra, nonostante l’impegno profuso, non riesce a regalare soddisfazioni ai tanti tifosi giallorossi, chiaramente preoccupati per questo andamento.

Vi confesso che, pur avendo sempre detto che quello in corso sarebbe stato un anno di transizione speravo, a questo punto del campionato, di trovarmi in una posizione di classifica migliore.

E invece facciamo i conti con un torneo che ci vede fuori dai play off – seppur per pochi punti – e che ci costringe a guardarci alle spalle, anche se ancora con un discreto margine dalla “zona rossa”.

La causa di tutto questo? Da imprenditore so bene che quando le cose in un’azienda vanno male le responsabilità devono per forza ricadere anche (e soprattutto) in chi quella azienda guida.

Non voglio accampare scuse o trovare giustificazioni: potrei dire di pagare lo scotto del noviziato. O di aver dovuto affrontare mille problematiche per far ripartire una società che a luglio andava riorganizzata di tutto punto. Sono cose che ho già raccontato. E allora scrivo queste poche righe solo per chiedere a tutto l’ambiente di non lasciarci soli in questo momento particolare. Di sostenere, se è possibile con più ardore, la nostra squadra che ringrazio pubblicamente per il bel gesto che ha anticipato la trasferta di Matera. So che che c’è tanta delusione e tanta rabbia. Ed è comprensibile.

Ma la tifoseria del Catanzaro credo abbia la maturità necessaria per capire che proprio nei momenti di difficoltà deve venir fuori tutto l’attaccamento per i nostri colori.

Mi rendo conto che possono sembrare frasi di circostanza, ascoltate già in passato mille volte – conclude l’ingegnere –  Ma credetemi, non è pura retorica. C’è ancora la speranza di poter dare un senso a questo campionato. Proviamo, insieme, ad alimentarla.

Forza Catanzaro!”.