Reazioni Money Gate: Noto, Abramo e i silenzi del Tg3

Noto, Abramo, Tg3

Dopo il proscioglimento del Tribunale Federale dall’accusa di illecito

Giornata serena finalmente tra i tifosi del Catanzaro nell’apprendere il proscioglimento della Società dall’accusa di tentato illecito con l’Avellino.

Questo il commento del patron Floriano Noto

“Sono state settimane di duro lavoro, di tensione e di ansia. Ma adesso possiamo finalmente esultare per questa decisione del Tribunale Federale Nazionale che ha prosciolto Catanzaro e Avellino dalla pesante accusa di illecito sportivo. Una vittoria su tutta la linea da parte della nostra società che regalerà un Natale felice ai nostri straordinari tifosi, garantendo alla squadra la giusta serenità per affrontare nel migliore dei modi gli ultimi impegni dell’anno.
Probabilmente la Procura ricorrerà, ma le motivazioni che abbiamo letto nella sentenza di primo grado ci fanno stare abbastanza tranquilli, lasciandoci finalmente concentrare su tutto ciò che ci siamo prefissati sin dal primo giorno del nostro insediamento: creare le migliori condizioni per costruire un progetto serio e duraturo intorno al Catanzaro. Ringrazio i legali Nicola Cantafora, Giancarlo Pittelli e Sabrina Rondinelli per aver saputo difendere al meglio le nostre ragioni”.

^^^
Subito dopo la sentenza con la quale il Tribunale federale nazionale ha prosciolto tutti i deferiti per il presunto tentato illecito di Catanzaro-Avellino del 2013, il presidente Floriano Noto ha contattato il sindaco Sergio Abramo per comunicargli l’importante risultato ottenuto dal club.

La dichiarazione del sindaco Abramo
“Non avevo dubbi che la grande paura sarebbe passata senza colpo ferire”, ha detto Abramo a Noto, “credo di parlare a nome di tutti i cittadini e tifosi giallorossi che in questo momento stanno vivendo un momento di gioia assoluta alla lettura del dispositivo con cui il TFN ha prosciolto tutti i soggetti coinvolti dall’accusa, rivelatasi infondata, mossa dalla Procura federale”.

Il sindaco ha poi aggiunto: “A Floriano Noto ho ribadito la mia soddisfazione per la sentenza di proscioglimento, chiedendogli di ringraziare i legali, Sabrina Rondinelli, Nicola Cantafora e Giancarlo Pittelli, che hanno magistralmente difeso il nostro club in sede dibattimentale. Questo proscioglimento sono sicuro che aiuterà ancora di più la nuova gestione giallorossa, che ha già fatto vedere di essere capace di riportare il Catanzaro nei palcoscenici che merita per storia, blasone e importanza della piazza”.

^^^
Ennesime rimostranze per la nuova ‘dimenticanza’ nell’informazione istituzionale del Tg3 Calabria. Secondo quanto rilevato da numerosi cittadini catanzaresi, nell’edizione regionale della Testata giornalistica, è stata riportata la notizia-corollario del punto di penalità e non quella ben più importante del proscioglimento della società giallorossa dall’accusa di illecito.  Riportiamo una lettera spedita da un tifoso alla redazione della Tv pubblica ([email protected])

Il testo della mail di protesta inviata a Tg3 Calabria

Gentili Signori buongiorno.

Da buon calabrese Vi seguo assiduamente, per cui consentitemi un piccolo sfogo.

Nonostante il clamore che ha suscitato in città e non solo, la stupenda, quanto scontata, notizia del proscioglimento del Catanzaro Calcio da accuse assolutamente infondate, per le quali la Procura Federale della FIGC aveva addirittura richiesto la retrocessione della squadra in serie D, il vostro TGR di oggi, martedì 19/12/17 delle ore 14, non ha inteso spendere neanche una parola sulla positiva decisione dei Giudici, non mancando invece di segnalare quella negativa, relativa alla penalizzazione di un punto per la mancata corresponsione degli stipendi nei tempi previsti, oltre poi a soffermarsi sulle decisioni assunte dalla FIGC a favore del Rende Calcio……!!!!!!!!!

Ovviamente la cosa non è sfuggita ai tanti sportivi e tifosi “giallorossi” sparsi dappertutto, che erano in attesa di conoscere maggiori dettagli, e che invece, per l’ennesima volta, hanno dovuto constatare la parzialità della sede RAI, di esclusiva matrice cosentina, impropriamente ubicata nella città dei Bruzi, solo grazie ai buoni uffici della vecchia classe politica di quella città.

In effetti, a pensarci bene, la cosa lascerebbe intendere che chi assembla le notizie sportive da mandare in onda non può che essere un “tifoso” sfegatato del Cosenza, che probabilmente nella circostanza avrebbe auspicato per la città Capoluogo di Regione la condanna più grave, quale la retrocessione.

Sarà però il caso di ricordare (o ribadire) a chiunque operi nella Vostra redazione, che la RAI su tutto il territorio nazionale, svolge un servizio pubblico e pertanto, tra le tante qualità richieste a chi Vi è preposto, la prima in assoluto deve essere l’imparzialità.    

Complimenti davvero. Ancora una volta avete fatto onore alla Calabria, perché vi sembrerà strano, ma da anche da queste piccole cose si vede la qualità del servizio reso.

Che il Natale vi renda sembra più professionali e meno passionali.

Tanti auguri e sappiate che, nonostante tutto, la CALABRIA E’ E RESTERA’ SEMPRE GIALLO ROSSA.

A.D.