Le avversarie del Catanzaro ai raggi X: il Bisceglie

Vigilia della nona di campionato

Dopo le note vicissitudini societarie, che hanno riguardato l’ex presidente Nicola Canonico, voglioso di trasferire il titolo nerazzurro a Bari, il Bisceglie del nuovo numero uno De Martino si è tuffato nel campionato di Serie C con voglia di fare bene. Fino a questo momento, i pugliesi hanno raccolto 9 punti, frutto delle vittorie contro Casertana e Matera ed i pareggi inanellati contro Vibonese, Sicula Leonzio e Paganese. Sono tre, invece, i ko contro Reggina, Trapani e Rende.

SQUADRA MOLTO GIOVANE – Quella nerazzurra è una delle compagini più giovani del girone C e della terza professionistica, in virtù dell’età media di 23,2 anni. In estate, malgrado le difficoltà, i dirigenti hanno costruito una rosa di tutto rispetto che, tutto sommato, non sta deludendo le attese per una tranquilla salvezza. Sono arrivati Addario, Calandra, Maccarrone, Beghdadi, Maestrelli, Raucci, Longo, Sisto, Giacomarro, Kuatè, Onescu (ex giallorosso), Jakimovski, Bottalico, Antonicelli, Camporeale, Starita, De Sena e Scalzone. Tutti elementi di categoria, molto apprezzati dalla tifoseria.

UN GINESTRA COME TECNICO – Ciro Ginestra, grande bomber di Serie B e C, da allenatore sta attirando l’attenzione di alcuni club, i quali stanno notando le sue qualità. Un 3-5-2 all’apparenza difensivo, ma capace di sorprendere gli avversari con un pressing asfissiante, frutto del credo calcistico del giovane tecnico. Il Catanzaro dovrà fare attenzione soprattutto agli schemi sui piazzati e al 3-4-3, spesso usato dal Bisceglie durante la seconda frazione di gioco.

PROBABILE FORMAZIONE  (3-5-2) – Crispino, Calandra,Raucci, Markic, Onescu, Starita, Maestrelli, Longo, Risolo, Scalzone, Giaccomarro

Credits photo: Emmanuele Mastrodonato/asbiscegliecalcio.it

PIOGGIA DI PENALIZZAZIONI NEL GIRONE C – A seguito di violazioni CO.VI.SO.C., il Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare ha penalizzato sei club del girone C:  Matera (-8), Monopoli (-2), Siracusa (-1)Juve Stabia (-1)Rende (-1)Trapani (-1). Ammende e squalifiche inflitte anche ai rispettivi dirigenti.