Aquile, da Fondi il pari che vale la salvezza aritmetica

Giallorossi irraggiungibili dalla Paganese terz'ultima

E’ terminata col punteggio di 1-1 la penultima gara del Catanzaro in questo campionato.

Un pari che assicura ai giallorossi la salvezza aritmetica.

Le Aquile hanno giocato un buon primo tempo quando, come al solito, avrebbero dovuto concretizzare almeno un’altra occasione per mettere al sicuro il risultato.

Invece nella ripresa una perla di Addessi su punizione – incolpevole il buon Marcantognini – ha riportato il risultato il equilibrio.

Infantino avrebbe pure insaccato al 61 il nuovo vantaggio ma la rete è stata annullata per presunto fallo dello stesso centravanti.

Da notare che Falcone ha giocato solo 20′ uscendo per infortunio e che diverse volte la difesa giallorossa si è salvata per il rotto della cuffia.

Poi negli ultimi dieci minuti, visto il risultato di Paganese-Leonzio, le due squadra hanno preferito mantenere l’1-1.

In virtù infatti della vittoria dei siciliani (1-2) la squadra di Luiso mantiene il divario utile a disputare i play out (al momento proprio con la Paganese).

Il Catanzaro invece, arrivando a sette punti dagli azzurrostellati terzultimi non può più essere raggiunto in quanto rimangono solo 6 punti in palio.

Da questa sera pertanto la squadra di Pancaro, di Logiudice e del presidente Noto acquisisce il diritto a mantenere la categoria anche nella prossima stagione.

Terzo campionato di fila concluso al fotofinish con una salvezza risicata. Un altro difficile, tormentato e di nuovo sconveniente torneo per il blasone delle Aquile che ora si appellano soprattutto alla voglia di riscatto della proprietà per impostare da subito il rilancio con una stagione di vertice.

 

ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA