Catanzaro, battere la Ternana per lanciare un segnale al campionato

di Antonio Battaglia – Niente campionato? Nessun problema: la settimana del Catanzaro è stata comunque arricchita da una vittoria. Parliamo del secco 2-0 con cui è stata liquidata la Casertana, in occasione degli ottavi di finale di Coppa Italia Serie C. L’ennesima dimostrazione che le Aquile continuano a volare, sempre più in alto.

Il bello, però, arriva ora. I giocatori in maglia giallorossa sono attesi da un terribile tour de force, che li vedrà scendere in campo ogni tre giorni da qui fino alla sosta natalizia. Priorità massima al campionato, principale obiettivo di una società che saprà apportare i giusti innesti nella finestra invernale di mercato.

Il primo appuntamento thrilling è fissato per le ore 15 di domani, avversario di turno la Ternana. E mica uno qualunque. I ragazzi di Gallo sono una delle due migliori compagini da trasferta del campionato (assieme al Bari, 17 punti in esterna), e non perdono fuori casa dal 10 ottobre. Numeri strabilianti, che testimoniano la grande volontà di compiere il salto di categoria. In tal senso, al “Ceravolo” arriverà una formazione che non lascerà nulla di intentato al caso per tenere il passo della capolista Reggina.

     

E’ avvisato, dunque, il Catanzaro, chiamato a confermare il proprio magic moment in una autentica prova del nove. La squadra gira bene, con il 3-5-2 che sembra ormai essere il vestito più adatto, ma bisognerà evitare i classici cali di attenzione visti nel secondo tempo contro la Casertana.

Il bottino di otto punti in quattro gare è incoraggiante, sì, ma non basta. Fino a Natale, tutto l’organico dovrà dare il suo apporto per recuperare il terreno perduto e avvicinarsi sensibilmente al podio. Con le stesse ambizioni di prima, ma forte di una rinnovata maturità mentale.

Capitolo formazione.  Davanti a Di Gennaro agirà la difesa a tre composta da Celiento, Martinelli e Pinna. A centrocampo, Statella e Favalli agiranno sugli esterni con Maita in cabina di regia e Tascone e Risolo ai suoi fianchi. In avanti, spazio a Fischnaller e Nicastro.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Fonte