Calcio: Catanzaro nel destino del nuovo ds Preiti

Entra finalmente nella piena operatività il nuovo direttore ingaggiato dal Catanzaro di Cosentino, annunciato con poche righe sul sito ufficiale della società. Che la squadra dei Tre Colli fosse nel suo destino, Antonello Preìti (con l’accento sulla “i”) lo aveva forse capito fin da bambino, quando papà  Domenico lo portava per tre mesi di vacanza nella casa calabrese di Ioppolo, provincia (allora) di Catanzaro. Il lavoro da impiegato presso un ministero romano aveva imposto il trasferimento nella Capitale della famiglia ma l’attaccamento era fortissimo tutto l’anno, non solo per le tradizioni ed il dialetto, ma soprattutto per quella straordinaria passione per la squadra di calcio che condizionava la settimana del padre. Come il pianto disperato per lo spareggio perso a Bologna con l’Atalanta e poi la gioia sfrenata e lacrimante per quello vinto qualche giorno dopo a Napoli col Bari. A casa Preìti si tifava Catanzaro. E quando il giovane Antonello, nel giorno del suo 17° compleanno si vide consegnare il regalo da papa’, immaginate l’espressione quando nella busta trovò il biglietto per la Tribuna Tevere dell’Olimpico. Quel giorno, si il 4 marzo del 79, avrebbe potuto assistere con lui a Roma-Catanzaro. Senza ancora saperlo papà Mimmo gli aveva regalato un posto per assistere ad uno degli spettacoli agonistici più indimenticabili per la storia calcistica italiana, romanista e catanzarese in particolare. Oggi Antonello Preìti fa il direttore sportivo ed a questi livelli non ci si può consentire intrusioni sentimentali. Di certo quando ti chiamano i colori che riportano alla mente sensazioni antiche, dolci atmosfere familiari, il nome di quella squadra ti consente di ricordare a memoria non tanto Conti, Di Bartolomei e Pruzzo quanto la perfetta disposizione tattica dei giallorossi catanzaresi, da quel lungagnone di Mattolini ai peperini d’attacco Rossi e Palanca, il baffone che ha fatto innamorare generazioni di tifosi.

COMUNICATO La società Catanzaro Calcio rende noto di avere affidato l’incarico di direttore sportivo ad Antonello Preiti, il quale si lega al club giallorosso con un contratto pluriennale. Al nuovo ds, cui è affidata la costruzione del nuovo progetto sportivo in linea con le ambizioni della proprietà e le aspettative di una piazza blasonata e meritevole di più alti palcoscenici calcistici, sono rivolti gli auguri di buon lavoro da parte del presidente Giuseppe Cosentino. 

PROGRAMMA – E’ quello sommariamente già noto. Preìti ha avallato la conferma di mister Erra al quale la società ha infatti prolungato il contratto già a gennaio. Nei prossimi giorni verrà valutata la situazione dei calciatori allo scopo di individuare i punti-fermi della stagione 2016-17. Molte sono le località ben liete di ospitare il ritiro estivo della squadra. Il neo ds (che segue nell’incarico il facente funzioni Cozza, Ortoli e Donnarumma) persegue un programma che si puo portare a termine nel tempo determinato o anche prima; mentre non gradisce i progetti che possono riuscire oppure no. Un punto comune con tutti quelli che in genere si avvicendano nelle posizioni di potere è quello di credere fermamente nella comunicazione. Sarà forse questo il principale nodo da dipanare assieme a quello della struttura. Gia, lo stadio: Preiti ed il Catanzaro hanno in programma un piano marketing che per forza di cose non può prescindere dalla piena disponibilità di tutti i settori del Ceravolo. Basta ping ping mediatici tra palazzo De Nobili e Via Pugliese! E’ il momento di unire le forze perché società ed amministrazione comunale facciano sinergia. Non ci sarà simpatia tra le parti ma ai tifosi interessano i risultati. Obiettivi di prestigio come il prestigio dei giornali di tutto il mondo che riprendono un scudetto inglese abbinandolo al nome della società e della città. Lo pretendono settemila persone in ansia sugli spalti per una semplice salvezza in LegaPro. Lo pretende un universo giallorosso sparso in tutto il mondo e verificabile ogni volta che le Aquile si alzano di nuovo in volo.

Buon lavoro, Preiti!