Calcio Serie C, Grassadonia (Catanzaro): “Sconfitta immeritata, ma frutto di nostre colpe”

di Danilo Colacino – Nel giorno di Catanzaro-Monopoli in cui gli Uc ’73 della Curva Massimo Capraro hanno  reso omaggio con due mega-striscioni commemorativi allo sfortunato ragazzo Thomas Costanzo – tragicamente scomparso in un incidente stradale esattamente una settimana fa – e al grande allenatore delle categorie dilettantistiche Nuccio Tolomeo, spentosi invece per un fatale infarto il giorno dopo, il Catanzaro ha steccato. Di nuovo. E ormai la delusione è palpabile. Tra i tifosi e nello staff tecnico.

A cominciare, come ovvio, da mister Gianluca Grassadonia, che apparso un po’ torvo nella sala stampa del ‘Nicola Ceravolo’ ha esordito così: “Siamo dispiaciuti. Non ci aspettavamo di perdere questa partita, che era importante e poteva permetterci di accorciare di tanto la classifica. Abbiamo però delle colpe, essendoci distratti in un paio d’occasioni. Ma resta il fatto che i ragazzi hanno dato tutto. Abbiamo ribattuto colpo su colpo a un ottimo avversario. La strada è quella giusta, dunque, e da qui dobbiamo ripartire, eliminando gli errori come qualche scalata sbagliata ad esempio. Io ho persino schierato i neoacquisti e qualcuno ha peccato di lucidità. Eravamo contati, del resto. Però, ripeto, nella ripresa abbiamo offerto poco. È un dato di fatto. Inutile girarci attorno. L’intensità è calata e pure loro, pur essendo stanchi, ci hanno preso d’infilata. Peccato, perché meritavamo di più”. 

      © Riproduzione riservata.

Fonte