Sanità Calabria, farmacisti in campo per risanare i conti

La sperimentazione per il risanamento della spesa pubblica nazionale potrebbe passare anche per la sanità in Calabria, regione con i conti in rosso.

Governo, Federazione dei Farmacisti (FOFI) e Federfarma nazionale hanno siglato un accordo per la sperimentazione dell’erogazione di nuovi servizi nella farmacia di comunità per la sanità e la Calabria potrebbe rientrare tra le regioni coinvolte in questo ambizioso progetto in caso di approvazione della legge di bilancio. Nella sede dell’Ordine di Catanzaro si è tenuta una riunione a cui hanno preso parte il presidente ospitante, Vitaliano Corapi, il presidente dell’Ordine dei farmacisti di Crotone, Antonio Megna, quello di Vibo Valentia, Massimo Defina e la presidente dell’Ordine di Reggio Calabria, Daniela Musolino, delegato regionale FOFI.

Ha partecipato alla riunione anche il presidente della Fondazione Il Caduceo, Carlo Barbalace. I servizi che ogni farmacia potrà dispensare in questa fase, spiega un comunicato, “sono servizi cognitivi, di front office e di analisi di prima istanza. Nel primo caso si tratta di fare la ricognizione della terapia farmacologica di un paziente nel tempo, allo scopo di verificarne l’efficacia e se necessario smistare il paziente verso il medico curante o lo specialista. Un lavoro di valutazione in grado di consentire un intervento tempestivo così da evitare conseguenze gravi e nel contempo di decongestionare ospedali e pronto soccorso. Per il monitoraggio dell’aderenza alla terapia il Ministero ha individuato tre patologie, ipertensione, BPCO (BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva) e diabete. Come servizi di Front Office – si fa rilevare – è richiesto il Fascicolo Sanitario Elettronico e quali analisi di prima istanza sono stati inseriti Ecg, Holter pressorio, Holter cardiaco, Spirometria e Supporto allo screening per la prevenzione del cancro del colon retto con consegna kit al paziente”.

     

“La farmacia dei servizi è una scommessa per il futuro – ha detto la presidente dell’ordine di Reggio Calabria Musolino – I farmacisti hanno rischiato nel tempo di essere relegati ad un ruolo di dispensatori di scatole, nonostante ciò hanno mantenuto sempre alti livelli di professionalità occupandosi dello stato di salute e del benessere dei loro clienti/pazienti. Il progetto della farmacia dei servizi riconosce e amplia il ruolo che il farmacista svolge già da tempo. E’ l’opportunità di essere inquadrati come professionisti della salute, e di essere riconosciuti come primo presidio sanitario sul territorio, riferimento che già siamo di fatto.

Certamente la sperimentazione non sarà semplice, durerà due anni e non sarà remunerata se non con un bonus forfettario che con ogni probabilità giungerà alle farmacie solo al termine dei 24 mesi ;sarà comunque un passaggio fondamentale per il futuro, per i titolari e per tutti i colleghi collaboratori. Il prossimo step? Attendere legge di bilancio con i fondi destinati alla Calabria. Quindi faremo una riunione immediata per definire il cronoprogramma. Poi sarà la volta dell’accordo con la Regione ed infine il coinvolgimento e la formazione delle farmacie partecipanti. Vogliamo parlare lo stesso linguaggio in tutta Italia ed offrire i medesimi servizi, standardizzare l’offerta e la qualità per garantire uniformità nel trattamento della malattia e della prevenzione dal nord al sud. Recluteremo tutte le farmacie che vorranno partecipare con uno o più servizi: la sperimentazione – ha concluso Daniela Musolino – può essere il giro di boa per farmacia”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Fonte