Protesi ed ausili, serve autorizzazione Asp

Nota di Federfarma

La questione degli ausili protesici sta ancora tenendo banco nelle farmacie del Catanzarese. I disagi lamentati dai pazienti, riguardo i tempi di erogazione dei presidi per l’assistenza di pannoloni, cateteri, stomie, sono sempre più frequenti con i ritardi che arrivano anche a 30 giorni. Un tempo di attesa che priva l’assistito del diritto a ricevere parte delle forniture a lui spettanti e di cui ha bisogno. Sulla vicenda, così, è intervenuta Federfarma Catanzaro, la quale respinge responsabilità sui disagi menzionati in precedenza, chiarendo, altresì, la posizione delle farmacie relativamente agli eventuali ritardi nel rilascio delle autorizzazioni per le forniture di ausili protesici, nell’ambito dell’assistenza integrativa fornita dal SSN, “che possono essere forniti soltanto dopo specifica autorizzazione della ASP di Catanzaro, rilasciata di volta in volta per il fabbisogno periodico”.

L’associazione sindacale, successivamente, incentra la sua nota sempre sulla gestione delle autorizzazioni che ogni tanto non “garantisce un servizio puntuale ed in linea con le esigenze degli assistiti, per lo più affetti da importanti menomazioni o invalidità che a ragione esigono l’urgente disponibilità dei presidi in questione”. Rinnovando la disponibilità a ricercare soluzioni al problema nell’interesse ed a beneficio degli utenti e del puntuale servizio, Federfarma sottolinea il grande impegno delle farmacie, le quali “rilevano da tempo queste criticità e, pur essendo esposte a critiche e lamentele da parte degli utenti senza avere alcuna colpa né responsabilità al riguardo, hanno continuato attivamente e faticosamente a cercare di andare incontro alle loro più che legittime esigenze, con la propria consueta e riconosciuta professionalità”.