Pronto soccorso Pugliese: operativi 6 posti OBI

Nuova tappa del percorso migliorativo AOPC

Sono operativi i nuovi locali della Osservazione Breve Intensiva (OBI) presso l’ospedale Pugliese-Ciaccio.

La direzione dell’azienda ospedaliera di Catanzaro informa che la struttura consentirà un’adeguata valutazione e l’appropriato trattamento di quei pazienti che si presentano in Pronto Soccorso con sintomi che, nell’immediato, non depongono per la necessità di un ricovero ospedaliero ma che non consentono nemmeno la subitanea dimissione.

La disponibilità della nuova, ampia area, dotata dei necessari comfort per i pazienti ed i loro familiari, che si va ad aggiungere alla spaziosa sala d’attesa recentemente attivata, consentirà di ridurre il sovraffollamento del Pronto Soccorso, di ridurre i tempi di stazionamento dell’utenza nei corridoi di accesso al Servizio e, soprattutto, di assicurare al paziente il costante controllo durante l’effettuazione delle consulenze e degli esami necessari che condurranno alla dimissione o, se necessario, al ricovero.

Si ridurranno, in tal modo, anche i ricoveri impropri e le dimissioni precoci, e saranno garantite al paziente una maggiore sicurezza e la corretta esecuzione dei previsti protocolli diagnostico-terapeutici.

La nuova Osservazione Breve Intensiva è dotata di sei posti letto con monitoraggio dei parametri vitali in telemetria e con apparecchiature per la ventilazione non invasiva.

Come da programma, il progetto di ristrutturazione dell’area critica proseguirà con la realizzazione della cosiddetta “Shock Room”, dotata di due postazioni per i pazienti che giungono al Pronto Soccorso a seguito di eventi traumatici, terza causa di morte nel mondo occidentale (dopo le patologie cardiovascolari e tumorali) e, addirittura, prima nella popolazione al di sotto dei 45 anni di età.

A breve il Pronto Soccorso trarrà ulteriore beneficio dal completamento del percorso di potenziamento degli organici, già avviato anche grazie alle autorizzazioni recentemente intervenute per l’assunzione di nuovo personale.