Ospedale Catanzaro, Costanzo: “Licenziamenti e concorsi non autorizzati”

“La commissione politiche sociali, da me presieduta, ha avviato una discussione in merito alle criticità legate al personale medico e sanitario che riguardano l’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio.

Gli effetti provocati da anni di gestione commissariale, con il contestuale blocco delle assunzioni, rischiano infatti di ripercuotersi gravemente sulla continuità dei servizi assistenziali e, specialmente, sulla tenuta del Pronto soccorso sempre più a rischio ridimensionamento”.

     

Lo afferma Manuela Costanzo a margine di una riunione dell’organismo consiliare “da cui è emersa una decisa ed unanime presa di posizione in merito ai provvedimenti che stanno interessando l’ospedale cittadino.

Mi riferisco, in particolar modo, alla situazione in corso nelle strutture di Obi e medicina d’urgenza e al previsto licenziamento, fissato al 31 dicembre, di sette medici che prestano il loro servizio. Mentre a Vibo e a Crotone sono stati autorizzati i concorsi, nell’ospedale hub di Catanzaro tutto tace, anzi a fronte dell’ondata di licenziamenti, che riguardano anche infermieri e oss, sono state disposte le assunzioni solo per due unità mediche.

E’ questa una strategia atta a declassare il ruolo del Pugliese-Ciaccio?

Tutti i consiglieri componenti della commissione non possono che manifestare il proprio dissenso davanti a questo quadro preoccupante e, per tale motivo, è stato immediatamente chiesto e ottenuto un confronto con il Dg del Dipartimento Salute della Regione Calabria, Antonio Belcastro, che riceverà la commissione venerdì prossimo.”

“Vogliamo vederci chiaro e in quell’occasione – conclude Costanzo – chiederemo quali sono le reali intenzioni politiche verso il più importante presidio ospedaliero del territorio”.

(redazione calabria7)

© Riproduzione riservata.

Fonte