SilentArt: al ‘Marca’ si balla tra le opere d’arte

La neo associazione Folding fa ballare i giovani nelle silenziose sale del Marca tra le tele di Raimondo Galeano. 

  Insolita la location che numerosi giovani catanzaresi hanno scelto per trascorrere il loro venerdì sera. Incuriositi e affascinati da una proposta innovativa lanciata dalla neo associazione Folding hanno deciso, infatti di ballare nelle silenziose sale del Marca, il prestigioso museo cittadino di arte contemporanea. Cuffie alle orecchie tutti in pista e l’evento denominato SilentArt ha inizio. Ma la musica, non è stata l’unica componente che ha caratterizzato l’insolita notte. A fondersi con la musica, in un originale connubio, è stato un altro genere artistico. Quello proposto dalle tele di Raimondo Galeano nell’esposizione dal titolo “La cromatica potenza della luce”. 

Attraverso un gioco di luci e ombre, di suoni e silenzi, sono stati stimolati tutti gli aspetti sensoriali dei partecipanti. Il risultato? Un grande apprezzamento, che, in un solo colpo ha spazzato via tutte le perplessità che i determinati giovani professionisti del sodalizio organizzatore hanno dovuto affrontare per realizzare l’evento che ha segnato il loro debutto pubblico. Un’iniziativa che ha lasciato, senza alcun dubbio, il segno.