Savuci Festival: fotografia, tradizioni e musica nella seconda giornata

Fotografia, tradizioni e musica al centro della seconda giornata del Savuci Festival. Nell’antico borgo della presila catanzarese, si è tenuta ieri la premiazione del contest fotografico, promosso per l’occasione, alla presenza di Barbara Dornetta, delegata alla cultura del Comune Fossato Serralta, Bruno Bevacqua, direttore artistico Savuci Festival, Lucio Bramato, presidente dell’associazione Il Mantello, e Danilo Assara, Presidente dell’Associazione La Lanterna. Tutti in qualità di componenti della giuria che ha valutato e assegnato i premi agli scatti inviati dai partecipanti. A vincere il contest è stata l’immagine denominata “Resilienza” di Maria Laura Russo, seguita al secondo posto da “Palazzo dei Principi, S.Caterina” di Roberto Corrado e, al terzo posto, da “Il chiodo” di Carmen Antonietta Amelio. Al termine della premiazione le foto sono state riposizionate all’interno della casa dove, per tutta la durata del festival, è stata ospitata la mostra fotografica che comprende 39 pezzi. La stessa esposizione sarà nuovamente proposta al pubblico l’8 settembre presso il Parco della biodiversità di Catanzaro.

Successivamente Luciano Dornetti, vicepresidente di Proloco Fossato 2000, e Mario Amelio, architetto della stessa associazione, hanno proposto un excursus nel mondo delle antiche tradizioni raccontando l’usanza dei cestai fossatesi, dalle origini alla scomparsa di questa tradizione. “Nel lontano 1850 – hanno spiegato – i cestai fossatesi costruivano pacchi e cesti con vere e proprie sfoglie di legno. Questi erano i prototipi degli attuali pacchi di cartone e venivano usati dalle più grandi aziende di distribuzione in Italia. I cesti di Fossato partivano ogni giorno da Palermo per trasportare frutta e fiori in tutta Europa. Per il nostro paese i cestai erano artisti, non semplici lavoratori”. La serata si è conclusa con i concerti “Music in Soul Live” e “La vita è adesso Live”. Per la giornata odierna finale, il programma prevede l’inaugurazione del secondo murales realizzato da Leonardo Cannistrà e dedicato a De Andrè e i momenti musicali con “Popoff and soul live” e il cantautore calabrese Carmine Torchia.

       

Redazione Calabria 7

Fonte