Progetto Gutenberg, successo all’Istituto comprensivo di Cropani

Per la prima volta all’Istituto Comprensivo di Cropani, grazie alla proposta della dirigente reggente Lidia Elia e la piena adesione del collegio dei docenti, ha fatto tappa il progetto Gutenberg.

L’evento è nato diciassette anni a Catanzaro, ideato e realizzato dal preside Dino Vitale, figura di spicco della cultura catanzarese e promotore dell’unico progetto in Italia nel suo genere, votato ad essere replicato in sempre più numerose città d’Italia per la sua valenza sociale e formativa. In un’atmosfera di grande coinvolgimento, gioia e interesse, circa trecento bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria,coordinati dall’insegnante referente del progetto Patrizia Rizzi, hanno conosciuto gli autori dei libri letti nel corso dell’anno e discusso con loro i contenuti. Mary Griggion, Laura Walter e Michele d’Ignazio hanno intrattenuto infatti i bambini all’insegna del reciproco entusiasmo tra poesie, letture e canzoni, rispondendo alle curiose domande dei piccoli apprendisti .

Le insegnanti hanno lavorato in questi ultimi mesi per la realizzazione di cartelloni, striscioni, figure in cartapesta raffiguranti le storie lette, aprendo così la mente a tutta una serie di esperienze conclusesi con la visita dei tre autori. Un avvenimento che ha riscosso grande successo anche tra i docenti del comprensivo di Cropani che erano alla loro prima volta col progetto Gutenberg. “E’ sicuramente un’esperienza da ripetere – ha detto la Rizzi – e vale la pena che siano riportate le parole di una bambina che, interrogata ad esprimere il suo pensiero, ha detto più o meno così: è come se voi maestre aveste gettato i semini per far crescere in noi il gusto della lettura”. Mai come in questo momento sociale particolarmente critico, la scuola deve porsi come punto di riferimento per favorire l’apertura mentale, il senso civico e il rispetto dell’alterita’ che sono tutti buoni vettori verso la legalità, quella vera, avulsa da interessi personali che la offuscano se non addirittura la ostacolano, mortificandola.

Redazione Calabria 7

Fonte