MGFF, a vincere la sedicesima edizione è “In viaggio con Adele” (SERVIZIO TV)

di Carmen Mirarchi – Si è conclusa ieri sera la sedicesima edizione del Magna Graecia Film Festival che si è tenuto nell’area portuale di Catanzaro. Il direttore artistico ed ideatore Gianvito Casadonte ha ad inizio serata espresso tutta la sua soddisfazione pr un festival dedicato alle opere prime e seconde che continua a crescere ed emozionare.

A vincere la “Colonna d’oro” come miglior opera prima è stato il film “In viaggio con Adele”di Alessandro Capitani. Il premio è stato ritirato da un emozionato Alessandro Haber, uno dei protagonisti del film che si è aggiudicato anche il premio di migliore attore maschile.

     

E’ quella di ieri sera è stata davvero la serata perfetta per l’attore che ha espresso tutta la sua gioia per questi riconoscimenti sottolineando l’amore che da sempre lo lega al Magna Graecia Film Festival. “Sono un pochino “il patrigno” di Gianvito e sono da sempre legato a questo festival unico ed importantissimo per il cinema italiano” ha detto Haber ai microfoni di Calabria 7.

La giuria ha assegnato il premio di miglior regia a Simone Catania per Drive me home. Lui, sceneggiatore da sempre, è alla sua opera prima e quasi incredulo ritira il premio per un lavoro che si preannuncia il primo di una lunga serie. Un regista da tenere d’occhio. “Un susseguirsi di quadri sempre credibili, raccontati con verità e fotografati con sorprendente maestri” questo hanno detto i giurati di “Drive me home”.

“Colonna d’oro” come miglior attrice a Chiara Martegiani per Ride. “Per esperienza personale, si può dire che ci sono ruoli che ti lavorano dentro e che per interpretarli è necessaria una disponibilità che va al di là della recitazione” questo ha detto di lei la giuria guidata Alessandro Genovesi.

Premio come miglior sceneggiatura invece a Ride di Enrico Audenino e Valerio Mastandrea. Quest’ultimo ha ritirato il premio ad una pellicola capace di tenere viva l’attenzione. Un lavoro notevole che tratta un tema delicato: quello del doloro che va vissuto ed interiorizzato.

In questa sedicesima edizione anche il premio “Colonna d’oro” del pubblico assegnato a Simone Spada per “Domani è un altro giorno”.

Nell’ultima giornata del Magna Graecia Film Festival il grande protagonista stato anche Pupi Avati al quale è stata consegnata la “Colonna d’oro”. Un maestro che si è detto felice di aver partecipato a d un festival che dà spazio a chi inizia la carriera da regista. Pupi Avati ha raccontato il suo film in uscita “Il Signor diavolo”, un horror che segna un ritorno al genere per il grande regista.

Cala il sipario sull’emozionante festival che anche quest’anno ha visto una grandissima partecipazione di pubblico. Il cinema appassiona ancora tantissimo i calabresi e il Magna Graecia Film Festival dà a tutti l’opportunità di scoprilo attraverso lungometraggi spesso toccanti e di altissima qualità.

 

 

Fonte