Il Galluppi di Catanzaro alla tredicesima edizione delle Convittiadi

Anche quest’anno i Convitti di tutta Italia si sono ritrovati a Peschiera del Garda (VR) per la tredicesima edizione delle “Convittiadi”.

Una manifestazione di carattere sportivo che mette a confronto gli studenti dell’intera penisola, da Palermo ad Aosta, in discipline quali calcio, basket, beach volley, nuoto, tennis e tante altre ancora con l’intento di farli socializzare, basando il tutto su uno spirito di sano agonismo.

A rappresentare la Calabria, come ormai accade da anni, il Convitto “Galluppi” di Catanzaro che ha portato sul Lago di Garda, dal 7 al 14 aprile, oltre 50 ragazzi delle prime e seconde classi della scuola secondaria di I grado. Accompagnati dagli educatori Francesco Iembo, Alessandro Astorino, Vincenzo Merante, Alfredo Iembo e dai docenti Claudio Cimino e Melania Scalzo, i ragazzi catanzaresi hanno affrontato con entusiasmo l’avventura, raggiungendo buoni risultati soprattutto nel beach volley e dimostrando un grande fair play, tanto da guadagnare diversi riconoscimenti. Ai piccoli atleti si sono aggiunti anche i ragazzi delle terze classi che, accompagnati dai docenti Annarita Migale, Davide Lamanna e dall’educatrice Teresa Iannaccari, hanno svolto il loro viaggio di istruzione.

Sette giorni alla scoperta di città quali Mantova, Verona, Parma e luoghi di grande fascino e suggestione come Sirmione, Desenzano e la stessa Peschiera del Garda. Un itinerario articolato che ha consentito di ammirare non soltanto le bellezze paesaggistiche ma anche di conoscere la storia di questa zona d’Italia e di apprezzare le tante opere d’arte che si possono trovare. “Un’esperienza molto positiva – ha commentato il dirigente scolastico Teresa Agosto – che ha dato ai nostri ragazzi un’opportunità di crescita importante.

Le “Convittiadi” consentono di diffondere e radicare nei più giovani la cultura dello sport, di educarli al rispetto dell’avversario, all’accettazione serena della sconfitta. Per questo ringrazio gli educatori che hanno seguito gli alunni delle prime e seconde classi impegnati nelle “Convittiadi” e che hanno sempre mirato al raggiungimento di questi obiettivi nelle loro attività. Formativo anche il viaggio di istruzione per gli alunni delle terze classi che hanno visto monumenti e palazzi studiati nel loro percorso curricolare. Un grazie va certamente ai docenti che con abnegazione e sacrificio – ha concluso la dirigente – hanno accettato di accompagnare i ragazzi”.

Redazione Calabria 7

Fonte