Folla di giovani in Centro al concertone di Capodanno

Auguri in piazza a Catanzaro


Solo chi c’era può affermarlo senza tema di smentite: il capodanno in piazza a Catanzaro è stato un bellissimo evento di festa, divertimento e di aggregazione sociale e musicale

Il  “concertone” di Piazza Prefettura ha visto infatti convergere nel centro storico del capoluogo oltre diecimila persone che hanno brindato insieme e non solo virtualmente al 2018.

Fino alla mezzanotte, come nella più radicata tradizione locale, i catanzaresi hanno preferito attendere il passaggio al nuovo anno seduti con parenti ed amici al caldo del cenone, per poi subito dopo riversarsi in strada per raggiungere locali, feste e piazze dove condividere l’allegria  ascoltando la musica e scambiandosi gli auguri.

L’appuntamento nella piazza più capiente della città, sulla scia del successo riscosso negli scorsi anni, si è confermato vincente grazie anche al preciso e inedito programma musicale proposto dall’amministrazione comunale.

Giovani gli assessori della giunta Abramo che l’hanno pensato e giovane anche il target di pubblico su cui si è puntato.

Scelte coraggiose dettate da qualche difficoltà burocratica, dai tempi ristretti e dalle somme risicate a disposizione.

Scelte comunque che si sono rivelate vincenti.

I parcheggi disponibili per le strade d’accesso si sono pian piano riempiti ed allora è stata decisiva la scelta di mantenere aperta e gratuita per tutta la notte la funicolare.

Circa duemila le persone che lasciando i propri mezzi negli ampi piazzali a valle, sono salite sul corso e da piazza roma si sono dirette attraversando a piedi corso mazzini verso piazza prefettura, clou del concertone dimostrando pieno gradimento per l’idea strategica dell’isola pedonale.

Sul palco il dj di RTL 102,5 Fernando Proce che ha fatto ballare con le hit del momento e gli evergreen delle feste.

Poi è stata la volta del giovane rapper GionnyScandal, che ha fatto cantare  i tantissimi under accorsi ad ascoltarlo malgrado le polemiche che hanno accompagnato la scelta del suo nome.

Clou della notte il concerto de Le Vibrazioni, la band che ha scelto Catanzaro come tappa della prima importante uscita dopo la (riinion) reunion di quest’anno e l’annuncio della partecipazione al Festival di Sanremo.

Un vero peccato che il nuovo regolamento sanremese imposto agli artisti ne vieti la pubblicazione web  di immagini e di sonoro partendo già dai concerti di capodanno.

Un divieto radicale che condiziona il diritto di cronaca, penalizza gli stessi artisti ed anche le varie amministrazioni che investendo su di loro invece portano benefici di immagine e di interessi all’evento musicale nella città dei fiori.

“E’ stata una risposta entusiasmante ha commentato il sindaco Sergio Abramo – quella di tutti i catanzaresi che si sono riversati sull’isola pedonale di corso Mazzini per vivere una lunga notte in compagnia della musica dal vivo e dell’intrattenimento offerto dagli operatori commerciali”.

Un buon risultato i cui meriti il primo cittadino ha voluto attribuire agli assessori Cardamone, Lobello e Sculco. Sono stati loro a profondere un grande impegno volto ad offrire un cartellone ricco e variegato di attività per tutto il periodo festivo nel centro storico, con iniziative culturali e di intrattenimento che stanno incassando una altissima e convinta  partecipazione di pubblico.

La folla del concertone di Capodanno è stata tra l’altro una scommessa vincente che ha consentito ai più giovani – senza spendere soldi –  di potersi ritrovare in un unico grande posto all’aperto anziché dividersi fra tanti locali chiusi, stare in pieno centro città e festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno con i generi musicali a loro più congeniali.

Un grande spot di attrazione giovanile con cui Catanzaro continua la sua politica di apertura del suo centro storico alle fasce anagrafiche più adatte a ripopolare e far rivivere il suo salotto buono.