Catanzaro, Biblioteca de Nobili, “E lessero tutti felici e contenti”

Si è concluso il progetto di promozione alla lettura “…E lessero tutti felici e contenti!”, promosso dalla Biblioteca comunale “De Nobili” e giunto alla seconda edizione con lo scopo di favorire e stimolare l’abitudine alla lettura, elemento chiave della crescita personale, culturale e sociale fin dalla tenera età. “Già lo scorso anno il progetto aveva registrato un ottimo gradimento da parte dei bambini e degli insegnanti coinvolti – commenta l’assessore alla cultura Ivan Cardamone – con una ricaduta molto positiva per la Biblioteca che ha acquisito più lettori e ha aumentato la presenza di utenti e visitatori. L’azione del progetto è stata quest’anno ancora più articolata e più incisiva perché inserita nel Maggio dei Libri, campagna nazionale che invita a portare i libri e la lettura anche in contesti diversi da quelli tradizionali”.

Il tema scelto tra quelli proposti dal Centro per il Libro e la Lettura è stato “Guarda Che luna! Mezzo secolo dall’allunaggio” con lo slogan “E lessero tutti felici e contenti esplorando la luna… col naso all’insù”. “In biblioteca, in Villa Margherita e nelle scuole – prosegue Cardamone – sono stati realizzati laboratori didattici, letture e mostre per bambini e ragazzi per festeggiare e ricordare i primi passi compiuti dall’uomo sulla superficie lunare. Ampio spazio è stato anche dato ad autori catanzaresi che, con i loro racconti, hanno fatto vivere ai bambini la Catanzaro d’altri tempi. Gli incontri realizzati anche in collaborazione con l’associazione “Universo Minori”, presieduta da Rita Tulelli, hanno visto protagonisti i ragazzi dell’alternanza scuola lavoro del Liceo Classico Galluppi e del Liceo Fermi che hanno collaborato per la migliore riuscita delle iniziative.

   

Tantissimi i bambini e i ragazzi che hanno partecipato entusiasti alle attività proposte dalla Biblioteca dimostrandosi lettori attenti, curiosi e appassionati delle storie raccontate e divertendosi a scoprire gli angoli più segreti dell’Istituto, accompagnati dalle mascotte Topolino e dal Dalmata cantastorie. Voglio ringraziare il direttore della Biblioteca, Michele Marullo, la bibliotecaria Marisa Gagliardi, i dirigenti scolastici, i docenti, i bambini e tutti quelli che, a vario titolo, hanno collaborato per la miglior riuscita dell’iniziativa. Altre idee e altre iniziative nell’ambito del settore cultura, diretto da Antonino Ferraiolo, sono già in cantiere per realizzare l’obiettivo di fare della Biblioteca la casa di tutti i cittadini”.

Fonte