Uccise per l’affitto non pagato, 30 anni all’assassino

Condannato a 30 anni di reclusione per omicidio. E’ la sentenza emessa nei confronti di Mario Riccelli, accusato di essere l’assassino di Antonio Ranieri.

La vittima è stata assassinata il 30 marzo 2018 scorso a Montauro, nel Catanzarese. La condanna è stata sancita dal gup Matteo Ferrante di Catanzaro durante un processo con rito abbreviato, nel corso del quale è stato assolto Roberto Riccelli, accusato di favoreggiamento. Disposta una provvisionale di 100mila euro per le parti civili. Secondo la ricostruzione dei fatti, Riccelli uccise Ranieri in una sua proprietà, per futili motivi. Infatti, la vittima richiedeva il canone di locazione (l’affitto) all’assassino, che rivendicava da tempo, e durante un diverbio sparò con una beretta legalmente detenuta uccidendo l’uomo.

Redazione Calabria 7

      © Riproduzione riservata.

Fonte