Sospiro di sollievo: pubblicati i dati Arpacal che riabilitano Montauro

Per il mare e la spiaggia di Montauro, Jonio catanzarese, è il momento della rivalsa. Ecco il documento reso pubblico dall’Arpacal: “L’analisi comparata dei valori di concentrazione di attività e di composizione mineralogica delle sabbie, conferma la correlazione fra i radionuclidi di origine naturale ed i minerali che compongono i granuli del sedimento presente in tutta la letteratura menzionata”. 

Conclude così la relazione tecnica sull’esito delle analisi sui livelli di radioattività nei campioni prelevati sulla spiaggia di località Calalunga di Montauro, in provincia di Catanzaro, che il Dipartimento provinciale di Cosenza dell’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria), attraverso il suo Laboratorio Fisico, diretto dalla dr.ssa Raffaella Trozzo, ha completato ufficialmente lunedì mattina comunicandone l’esito al Commissario dell’Agenzia, avv. Maria Francesca Gatto.

Come anticipato, quindi, dopo l’opportuna liberatoria rilasciata dall’Autorità Giudiziaria competente, oggi l’Arpacal ha diffuso i dati sul proprio sito web (www.arpacal.it).

Le analisi di laboratorio – realizzate dalla dr.ssa Trozzo e dall’ing. Giacomina Durante – hanno confermato quanto relazionato già in occasione delle misure radiometriche campali, eseguite dal Dr. Salvatore Procopio, fisico del Laboratorio “E. Maiorana” del Dipartimento Arpacal di Catanzaro il 25 novembre scorso.

Relazione finale che conferma la presenza di “radionuclidi di origine naturale con valori di concentrazione di radioattività confrontabili con i valori normalmente contenuti nelle matrici dello stesso genere e dalla composizione mineralogica similare, per come rilevabile in letteratura e dai dati storici in possesso di questo Laboratorio Fisico” .

In particolare, si ricorda nella relazione, che le concentrazioni di radionuclidi “appartenenti alla catena di decadimento del 232Th (Torio 232, ndr) presentano valori tipici di zone dove esistono consistenti concentrazioni di monazite”.

“Tutti i campioni – è detto nella relazione – hanno mostrato esito negativo relativamente alla presenza di radioisotopi di origine artificiale, in quanto i valori delle concentrazioni sono al di sotto del limite strumentale (M.C.R.= Minima Concentrazione Rilevabile), eccezion fatta per i campioni n° 1 e n° 2 sui quali sono state rilevate concentrazioni del radionuclide artificiale 137Cs (Cesio 137, ndr) in valori di non rilevanza radiologica”. I valori di concentrazione di 137Cs rilevati sono associabili ai normali valori di “fall out”, dovuto ormai alla sua presenza nell’ambiente dopo gli esperimenti e gli incidenti nucleari che a partire dagli anni ’60 hanno interessato l’intero pianeta (es. Chernobyl 1986, Fukushima 2011).

——–
Fin qui il comunicato scientifico. Ed ora che succederà? Le Iene arriveranno per la terza volta con un apparecchio nuovo a fare una contro-controprova? Oppure l’onda mediatica negativa sarà…insabbiata? O ancora qualcuno farà una class action contro l’amata-odiata trasmissione? Ed i ricordi dei testimoni? I fusti di cui non si è più saputo nulla? Lunedì intanto ricorre un triste anniversario, quello per la morte del capitano Natale De Grazia. Lui si che ci avrebbe detto la verità unica, più vera del miglior ingegnere Arpacal e del migliore giornalista-Iena. Intanto ci facciamo un tuffo virtuale, in apnea fino alla prossima estate per sapere quanto abbia nuociuto questa storia al turismo balneare dello Jonio catanzarese.

GUARDA LE IMMAGINI E LEGGI NOTIZIE DEI RILIEVI DOPO LA DENUNCIA TV