Rubavano regali di Natale alle Poste, arrestati tre napoletani

I carabinieri arrestano tre napoletani in trasferta

Sventato un furto di regali di Natale.

Non erano Aldo, Giacomo e Giovanni e non si trattava neppure di un film.

La banda dei Babbi Natale aveva appena colpito, facendo razzia di regali inviati tramite poste, presso il Centro Meccanizzazione Postale di Sant’Eufemia (Catanzaro).

Eppure i veri protagonisti di questa storia di cronaca non sono loro.

Ladri di Natale in azione a Lamezia Terme

A rendere meno amaro il Natale di tantissime persone private del dono inviato dai propri cari o acquistato on line dai grandi magazzini della distribuzione  sono stati i Carabinieri di Lamezia Terme ma soprattutto colui (o coloro) che ha fatto la telefonata al 112 riferendo di aver notato i tre loschi figuri trascinare grossi pacchi.

Si tratta di tre giovani napoletani, Pasquale Sacra di 37 anni, Sabatino D’Andrea di 38 e Ciro Esposito di 49 anni.

Partiti dal capoluogo partenopeo a bordo della loro autovettura avevano raggiunto il locale Centro Meccanizzazione Postale catanzarese, in località Sant’Eufemia, ove viene smistata tutta la corrispondenza in arrivo ed in partenza dalla Calabria.

Lì si erano introdotti furtivamente all’interno di un magazzino ove vengono depositati i plichi di vario genere in attesa di essere poi inoltrati verso le rispettive destinazioni e avevano operato per diverse ore scartando pacchi, frugando nella corrispondenza e scegliendo quanto di più appetibile ci fosse.

Decine e decine di pacchi, spedizioni Amazon, o semplicemente spediti personalmente, contenenti

Il bottino recuperato dai Carabinieri di Lamezia 

oggetti, da capi di vestiario a strumenti tecnologici ma, soprattutto, tanti tanti regali e giochi provenienti da ogni dove in occasione delle prossime festività, indirizzati a figli, nipoti e amici lontani che, senza l’intervento dei carabinieri, avrebbero passato un natale un po’ meno felice.

La banda dei “babbi natale” aveva fatto razzia in quel magazzino e si stava apprestando a caricare il bottino nell’auto per tornare a Secondigliano. Ma alle prime ore del mattino la telefonata alla Centrale Operativa dell’Arma.

Una pattuglia dei Carabinieri si è fiondata immediatamente sul posto, dove è iniziato un inseguimento a piedi nelle campagne limitrofe al Centro Meccanizzazione Postale.

Due dei malviventi sono stati raggiunti e bloccati dopo qualche centinaio di metri. Il terzo si era allontanato. Sono scattate quindi le ricerche a tappeto su tutto il territorio. Il fuggiasco era solo, appiedato e non della zona.

Le ricerche, pertanto, sono state estese alle stazioni ferroviarie ed alle principali arterie stradali. Ed è proprio lungo la SS18 che è stato trovato, mentre attendeva che qualcuno dalla Campania lo venisse a recuperare. Per i tre sono scattate inevitabilmente le manette per furto aggravato.

La refurtiva, invece, è stata recuperata e restituita al Centro Meccanizzazione Postale.