Riqualificare i quartieri periferici, il progetto del Comune

Conferenza stampa del Sindaco Abramo in Comune

Cambiare il volto dei quartieri a sud della città. Quelli più problematici e periferici, caratterizzati da situazioni di marginalità economica e sociale, degrado edilizio e carenza di servizi.

Nella fattispecie le aree urbane di Corvo, Aranceto e Pistoia.

A questo punta l’amministrazione comunale guidata da Sergio Abramo con una serie di azioni che saranno finanziate all’interno del Programma Straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie (Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 maggio 2016).

A Palazzo De Nobili è stato il sindaco Sergio Abramo ad illustrare insieme agli assessori ai lavori pubblici e gestione del territorio, Rossana Gnasso e Franco Longo, alla coordinatrice del progetto, Giusy Spezzano, e al dirigente del settore lavori pubblici, Gennaro Amato, l’ambizioso progetto per il quale è stato ottenuto l’importo massimo, vale a dire diciotto milioni di euro.
Si aggiungerà un intervento privato per altri 16 milioni di euro con la collaborazione dell’associazione interregionale “Vivere insieme”, rappresentata da Massimo Poggi già operante sul territorio da diversi anni.

Mobilità sostenibile e videosorveglianza

Il programma ambisce a garantire in questi luoghi la sicurezza e l’inclusione sociale, attraverso un nuovo sistema di mobilità sostenibile tramite la realizzazione di tre rotatorie ed una pista ciclabile.
Tutto il percorso sarà interessato da una complessiva sistemazione di strade e verde pubblico e dall’attivazione della videosorveglianza.
Inoltre l’opera prevede una serie di interventi a supporto dei servizi sociali, culturali ed educativi presenti nei quartieri tra cui la ristrutturazione della scuola elementare e dell’infanzia dei quartieri Aranceto e Pistoia. Inoltre la riqualificazione del Palazzetto dello Sport di Corvo, del Centro sociale e del campo sportivo di Aranceto, nonché la promozione della Street Art per migliorare la qualità del decoro urbano.

Lo sfogo del sindaco Abramo

A fare da contraltare alla soddisfazione del primo cittadino per aver colto in pieno una chance utile al rilancio di Catanzaro c’è stata qualche riflessione condita da un velo di amarezza: “Sono deluso – ha commentato Abramo – della poca capacità dei cittadini di recepire tutto ciò che l’amministrazione ha realizzato in questi anni.

Gli attacchi che riceviamo quotidianamente per mezzo della stampa non giovano alla città, ma sono aperto al confronto con chi volesse muovere delle critiche costruttive e senza perdere di vista che il fine ultimo di tutti dovrebbe essere quello di fare il bene di Catanzaro, per cui nessun parlamentare ha mai mosso un dito”.

Tornando all’opera di riqualificazione dovrebbe essere il mese di aprile a vedere l’apposizione della firma della convenzione con il Ministero e di conseguenza l’erogazione dei fondi (vincolati) dei quali si avrà un’anticipazione del 10% sulla cifra intera.
Ros.Merc.