Regionali, è ufficiale: Forza Italia sceglie Occhiuto

Forza Italia esprimerà il candidato unitario del centrodestra alle elezioni regionali della Calabria. Lo ha ribadito a Viterbo il vicepresidente del partito, on. Antonio Tajani, alla delegazione parlamentare calabrese nel corso di un confronto definito “utile e decisivo” al quale hanno partecipato anche altri due componenti del coordinamento nazionale, la capogruppo alla Camera Mariastella Gelmini e l’on. Sestino Giacomoni. Tajani ha anche precisato che, come in tutti gli altri accordi siglati a livello regionale, ogni alleato rispetterà democraticamente e lealmente le proposte che arriveranno al tavolo dai partiti. Alla riunione, svoltasi a margine della convention “L’Italia e l’Europa che vogliamo”, hanno partecipato al gran completo le rappresentanze parlamentari e regionali di Forza Italia: i deputati Jole Santelli, Francesco Cannizzaro, Roberto Occhiuto e Maria Tripodi, i senatori Giuseppe Mangialavori, Marco Siclari e Fulvia Caligiuri, i consiglieri regionali Claudio Parente, Giuseppe Pedà, Gianluca Gallo, Mimmo Tallini e Domenico Giannetta. La delegazione calabrese ha confermato all’unanimità l’indicazione del sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto – presente anch’egli alla riunione – a candidato alla presidenza della Regione Calabria. E’ stato da tutti chiesta un’accelerazione della definizione del perimetro della coalizione del centrodestra in vista dell’imminenza del voto, quasi certamente tra fine novembre e inizi di di dicembre. Il vicepresidente Tajani e i due coordinatori nazionali Gelmini e Giacomoni hanno registrato con soddisfazione l’indicazione unitaria che è venuta dal partito calabrese, sottolineando positivamente il clima di condivisione e di entusiasmo in vista della competizione elettorale di dicembre. Il radicamento sul territorio di Forza Italia, a cui viene riconosciuto il compito di guidare la coalizione, è la condizione essenziale per un risultato elettorale che rilanci anche a livello nazionale la funzione essenziale del partito del presidente Berlusconi all’interno di un centrodestra unito e plurale.

Fonte