Regionali, Costanzo: “Abramo ha ufficializzato lo strappo con FI”

Con la sua assenza ai lavori del coordinamento provinciale di Forza Italia, il sindaco Abramo ha per così dire ufficializzato il suo strappo con quello che era il suo partito.

Lo afferma in una nota il capogruppo di Fare per Catanzaro, Sergio Costanzo.

     

Nulla di nuovo sotto il sole perché da mesi Abramo dialoga più volentieri con il gruppo del senatore Aiello che non con quello del consigliere Tallini. Anche nei rapporti personali, a nessuno sfugge il dialogo quotidiano tra il sindaco e il suo delfino Marco Polimeni e il gelo con il suo vicesindaco Cardamone.

Abramo ha rotto gli indugi perché sa bene che Forza Italia gli ha scavato la fossa, relegandolo al ruolo di presidente di un Ente quasi inutile come la Provincia.
Forza Italia non gli ha risparmiato feroci critiche, con un documento che poteva essere firmato dall’opposizione e non dal principale partito di maggioranza.
L’accordo tra Abramo e Aiello è ancora sottotraccia, non ci sono state dichiarazioni ufficiali, ma è evidente che le rispettive traiettorie coincidono, con l’obiettivo di marginalizzare e poi espellere il gruppo Tallini dalla maggioranza.

A noi questo scenario non dispiace. Non che farebbe cambiare il nostro giudizio negativo sull’Abramo quater, a nostro parere la peggiore giunta che la storia ricordi a Catanzaro. L’elemento positivo che non ci dispiace è la rottura del patto malefico tra Abramo e Tallini che ha soffocato per più di venti anni la città.
Vedremo se Abramo avrà coraggio e costruirà un’alternativa in Consiglio comunale, con una giunta di salute pubblica e con un programma ridotto e concreto, da realizzare in pochi punti nel giro di pochi mesi.
Un rimescolamento delle carte potrebbe vederci spettatori attenti, nel supremo interesse di una città allo sbando per causa delle lotte intestine tra i vari clan del centrodestra. Il gruppo misto, vero ago della bilancia, è destinato ad ingrossarsi nei prossimi mesi e potrebbe recitare un ruolo importante per il superamento dell’attuale situazione.

Fonte