Pontegrande: 120 anni di devozione alla Madonna

Conclusi i festeggiamenti

Commozione e felicità. È racchiusa in queste due parole la 120^ edizione della festa in onore della Madonna Maria Santissima delle Grazie, nel quartiere Pontegrande. Festeggiamenti da sempre molti sentiti dai residenti, ma non solo, anche quest’anno presenti in modo massiccio. La storia della festa ebbe inizio nel 1893 quando Salvatore Criscuolo, cittadino nato ad Amalfi, ma residente a Pontegrande, decise, insieme all’allora parroco don Giuseppe Mazzucca, di donare all’intera comunità una statua raffigurante il volto di Maria. La scultura fu realizzata, così, da un’azienda di Napoli, la quale usò il legno necessario raccolto dai fratelli Canino, residenti nel quartiere Janò e devoti alla Madonna. Nel 1898, dopo un lavoro molto impegnativo, la statua arrivò a Pontegrande tra la felicità della gente, emozionata nell’ammirare una statua dal volto semplice, valorizzato da uno sguardo dolce, da un mantello celeste, una cintura oro a protezione del bambinello, in braccio alla Vergine Maria. Si decise, così, di rendere omaggio, ogni prima domenica di settembre, alla Madonna della Grazie con solenni festeggiamenti.

PROGRAMMA RELIGIOSO – Come accade da più di un secolo, anche quest’anno i tanti fedeli hanno potuto salutare la statua della Madonna, in giro per i quartieri di Catanzaro Nord. Sabato pomeriggio è toccato alla zona Janò abbracciare calorosamente Maria, con la processione, guidata da don Carlo Davoli, che, nonostante il caldo, ha richiamato un buon numero di persone. Domenica, invece, Piterà, Bambinello Gesù, Vicenzale e, ovviamente, Pontegrande hanno salutato con affetto la Vergine Maria, accolta con felicità anche da molti bambini. In serata, scroscianti applausi di circa 1000 persone al rientro in chiesa della statua, alla quale sono stati dedicati numerosi fuochi d’artificio, apprezzati dalla piazza pontegrandese.

PROGRAMMA CIVILE – Un musical dedicato a Madre Teresa di Calcutta ha aperto la serie di spettacoli previsti nel corso del primo fine settimana di settembre. “La Matita di Dio” di Michele Paulacelli e Piero Castellacci, ha emozionato i presenti, grazie alla performance a cura della scuola di teatro spirituale. Sabato, invece, è stata la volta della cover “Le Orme dei Pooh” ad infiammare Pontegrande. Da “Chi fermerà la musica” a “Piccola Katy”, passando per “Dammi solo un minuto”, la band è stata applaudita dalla platea. Ai “Comincio da zero”, invece, è stato dato l’onore di chiudere i festeggiamenti nella serata di domenica. Il gruppo catanzarese ha raccolto commenti positivi grazie ai tanti brani che hanno fatto la storia della musica nazionale e internazionale.

LA SODDISFAZIONE DEGLI ORGANIZZATORI – Fausto Belpanno, del comitato festa, è orgoglioso di quanto fatto insieme agli altri membri: “Tengo a ringraziare per il supporto, in modo particolare, l’On. Domenico Tallini, l’assessore agli Affari Generali del Comune di Catanzaro, Danilo Russo, i due impresari musicali, Tonino Truglia e Michele Lavecchia, il Consiglio Pastorale per gli affari economici e tutti gli sponsor. Nonostante la burocrazia, che prevede una serie di accorgimenti soprattutto dopo i fatti di Torino, e le spese, sempre più esose, siamo riusciti ad organizzare tutto ciò. Siamo soddisfatti -ha aggiunto Belpanno- perché quest’anno ricorre il 120° anniversario dei festeggiamenti in onore della Madonna. Nel corso di questi mesi abbiamo lavorato alacremente per poter dare ai residenti, ai tanti emigranti, un momento di gioia. Per tutti noi, Maria Santissima delle Grazie rappresenta tanto e, il prossimo anno, speriamo di poter fare ancora meglio”.

(M.B.)

RIVEDI  IL SERVIZIO DEL 2013