Polimeni-Brugnano: “Mgff, ogni anno continua a crescere”

Nota del Presidente del Consiglio comunale, Marco Polimeni, e del Segretario Nazionale del Sindacato di Polizia FSP – Federazione Sindacale di Polizia, Giuseppe Brugnano.

“Il Magna Graecia Film Festival, anno dopo anno, continua a crescere e ad affermarsi sempre di più come l’evento di punta dell’estate calabrese in grado di proiettare il nome e l’immagine del nostro territorio in Italia e in giro per il mondo. Anche in questa edizione sono stati tanti gli eventi e i personaggi di lustro che hanno consentito di accendere i riflettori su Catanzaro, facendo parlare in maniera positiva del Capoluogo e delle sue bellezze, contribuendo a ribaltare i luoghi comuni legati ad un racconto stereotipato della nostra terra. Su tutte le reti Rai, oltre che su SkyTg24, numerosi sono stati gli approfondimenti e i collegamenti in cui sono andate in onda le immagini dell’arena sul Porto e degli splendidi scorci della costa ionica, promuovendo quella che è la cartolina migliore per la nostra regione. Il MGFF ha parlato di una Calabria che rispetto agli scandali e ai fatti di cronaca nera preferisce mostrare il lato positivo di un territorio ricco di energie umane e professionali che non hanno nulla da invidiare anche a realtà ben più blasonate. Gianvito Casadonte e la sua creatura rappresentano l’esempio concreto di chi, partendo dalla periferia apparentemente lontana dai grandi circuiti culturali, è riuscito col tempo ad allestire una macchina che oggi è motore di sviluppo, di indotto e di marketing turistico per il Capoluogo. Nessuno poteva immaginarsi quindici anni fa che il Magna Graecia Film Festival avrebbe raggiunto questi livelli. L’unico a sognarlo e a crederci fu Gianvito Casadonte, che a Catanzaro ha trovato una amministrazione amica che gli ha consentito di esprimersi nel migliore dei modi. Ci auguriamo che quest’evento, ormai fortemente legato alla città di Catanzaro e alla Regione Calabria, possa proseguire il suo percorso di crescita e far sì che il Capoluogo, anche al di là delle dieci giornate estive, diventi sempre di più un punto di riferimento riconosciuto nel mondo del cinema e dello spettacolo”.

     

Fonte