Persone sospette al caffè: chiusi (a tempo) due bar cittadini

Provvedimento di sicurezza per due settimane da parte del questore 

Due bar cittadini sono stati chiusi (temporaneamente) dal questore di Catanzaro Amalia Di Ruocco: si tratta del Bar Lamanna di Viale Isonzo 272, e del Chiosco Bar di Via Teano località Aranceto.

Da qualche tempo uomini della Squadra Volante, vigilando nelle zone considerate più critiche sotto l’aspetto della sicurezza, si sono fermati negli esercizi indicati, di giorno e di notte, non per prendere il caffè ma per controllare gli avventori.

Nei due locali pubblici sopra citati hanno trovato sempre le stesse persone con precedenti penali e di polizia, soprattutto in materia di stupefacenti e, pertanto, considerate pericolose per  l’ordine e la sicurezza pubblica, talune anche sottoposte a misure di prevenzione.

L’abituale aggregazione nel medesimo locale di persone gravate da pregiudizi penali, secondo la legge, costituisce un sufficiente indizio che all’interno dell’esercizio si possano programmare e pianificare attività delittuose.

Pertanto, l’art.100 del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, attribuisce al Questore la possibilità, indipendentemente della responsabilità dell’esercente, di chiudere il locale per un certo periodo di tempo per dare  a tutti la possibilità di cambiare condotta di vita.

In entrambi i casi il provvedimento di chiusura adottato dal Questore ha la durata di 15 giorni.