Operazione Galassia, in carcere a Rebibbia l’estradata Ivanovic

Si è conclusa stamattina, con l’arrivo in aeroporto a Roma, la procedura di estradizione di Ivana Ivanovic, indagata nell’ambito dell’operazione Galassia e raggiunta da fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura di Reggio Calabria nel novembre 2018.

La donna, latitante all’estero, era stata arrestata nell’agosto scorso in Montenegro su mandato di arresto europeo e internazionale.

     

La donna è accusata di associazione a delinquere di stampo mafioso, truffa ai danni dello Stato e dichiarazioni fiscali infedeli e nel dicembre 2018 il gip aveva emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Le indagini del Nucleo di polizia economica e finanziaria di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza, avevano portato al fermo 18 persone nonché al sequestro preventivo di 23 società estere, 15 imprese operanti sul territorio nazionale, 33 siti nazionali e internazionali, numerosi immobili, automezzi, conti correnti italiani ed esteri e innumerevoli quote societarie per un valore complessivo stimato in oltre 723 milioni di euro.

L’indagine Galassia aveva messo in luce l’esistenza di una pluralità di associazioni per delinquere operanti sul territorio nazionale nel settore della raccolta del gioco e delle scommesse, le quali, in rapporto con la ‘ndrangheta, da un lato avevano consentito alle cosche di infiltrarsi nella propria rete commerciale e di riciclare gli imponenti proventi illeciti, dall’altro avevano tratto esse stesse significativo supporto per l’ampliamento della propria rete commerciale e per la distribuzione capillare del proprio marchio sul territorio.

Dopo l’arrivo all’aeroporto la donna è stata condotta nel carcere di Rebibbia.

© Riproduzione riservata.

Fonte