Omicidio fratelli Castiglione: respinti i domiciliari, killer resta in carcere

In data 21 febbraio 2020 i Carabinieri del NORM della Compagnia di Petilia Policastro hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti di B. A. S., 52enne, di Roccabernarda colpevole dell’omicidio dei fratelli Castiglione, in atto sottoposto al regime speciale di cui all’art 41bis O.P..

I giudici della Seconda Sezione Penale del Tribunale di Catanzaro — in accoglimento dell’appello proposto dalla Procura della Repubblica D.D.A. di Catanzaro avverso l’ordinanza del 12.09.2019 che aveva disposto la sostituzione della misura cautelare della custodia in carcere con quella degli arresti domiciliari — hanno disposto, con il provvedimento di cui è stata data esecuzione, l’annullamento dell’ordinanza impugnata ed il ripristino della misura cautelare in carcere, per i reati di omicidio, tentato omicidio e reati in materia di armi. I fatti riguardano la vicenda omicidiaria compiuta ai danni dei fratelli Castiglione, avvenuta a Roccabernarda il 31 maggio 2014.

     

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Fonte