Numerose rapine tra il 2015 e il 2017, quattro arresti

Carabinieri di Lamezia Terme in azione

I Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme, coadiuvati dal Nucleo Investigativo Centrale di Polizia Penitenziaria – Nucleo Regionale di Catanzaro hanno arrestato quattro persone, accusate di essere i responsabili di una serie di rapine avvenute tra l’ottobre 2015 e l’ottobre 2017. Si tratta di Aldo Borelli, 53 anni, Giovanni Cukon, slovacco di 38 anni, Michele Malvaggio 57 anni e Perparim Lamaj, albanese di 33 anni. Le indagini, proseguite per due anni, sono iniziate dopo il primo colpo della banda messa a segno all’ufficio postale di Gizzeria Lido che aveva fruttato 4000 euro. Due mesi dopo, un altro ufficio postale di Lamezia Terme e un esercizio commerciale di Gizzeria subivano due nuove rapine per un bottino totale di 4500 euro.

L’escalation dei furti, tuttavia, continuava nelle medesime zone sempre con lo stesso modus operandi: i rapinatori, armati di pistola, si facevano consegnare i soldi dai dipendenti. Le attente indagini e le intercettazioni telefoniche hanno portato all’emissione nei confronti dei quattro soggetti di ordinanza di custodia cautelare in carcere poiché responsabili a vario titolo di rapina aggravata in concorso, sequestro di persona, lesioni personale aggravate, tentato omicidio, porto illegale di armi comuni da sparo e clandestine.