‘Ndrangheta, Csm apre pratica a tutela Gratteri

La Prima Commissione del Csm ha deciso, all’unanimità, di aprire una pratica a tutela del procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri.

L’iniziativa è stata adottata anche a seguito delle richieste dei togati di Magistratura Indipendente e AreaDg formulate lo scorso dicembre all’indomani dell’intervista rilasciata dal Pg Lupacchini, che aveva parlato di “evanescenza di molte operazioni della procura di Catanzaro”, e delle parole scritte su Facebook dalla parlamentare del Pd Enza Bruno Bossio (“Gratteri arresta metà Calabria! È giustizia? No è solo uno Show! Colpire mille per non colpire nessuno. Anzi sì. Colpire la possibilità di Oliverio di ricandidarsi. Il resto finirà in una bolla di sapone come il 90% delle sue indagini. E la ‘ndrangheta continuerà a prosperare come ha fatto in questi anni”) così come chiesto pure dal consigliere laico Fulvio Gigliotti (M5s).

Dopo questo provvedimento assunto dal Csm, l’avvocato difensore del magistrato Lupacchini ha chiesto allo stesso Csm, depositando un’istanza, che fosse aperta una pratica anche a tutela del procuratore generale di Catanzaro.

Il documento è stato trasmesso alla Prima Commissione, che stamane, all’unanimità, ha deciso di aprire una pratica per incompatibilità ambientale nei confronti di Lupacchini. Ed una a tutela del capo della procura di Catanzaro Nicola Gratteri.

      © Riproduzione riservata.

Fonte