La Befana dona dolci e sorrisi ai piccoli pazienti

Iniziativa negli ospedali cittadini

Un sorriso, un regalo per chi sta vivendo momenti difficili, specialmente in questo periodo di festa. E’ stata una giornata speciale per i bambini del reparto di Oncologia Pediatrica dell’Ospedale “Ciaccio” e della Pediatria del “Pugliese”, entusiasti per la visita della Befana. Tanti i doni e i dolciumi consegnati ai piccoli pazienti i quali, almeno per qualche ora, hanno potuto trascorrere ore in allegria e spensieratezza. L’iniziativa si è resa possibile grazie all’impegno dell’associazione “Fratelli Catania Group”, in collaborazione con il centro acustico “Sento più di prima”, da sempre vicino a chi soffre. Osvaldo Catania, presidente dell’omonima associazione si è detto emozionato per quanto fatto: “Ringrazio la direzione medica dei presidi che ci ha dato la possibilità di entrare in questo reparto per regalare gioia ai piccoli degenti. Vederli sorridere, al momento della consegna della calza, ha rappresentato un momento di forte commozione. Avrei voluto abbracciarli uno ad uno”. Parole che si legano perfettamente ai concetti espressi Maria Concetta Galati direttore facente funzione dell’ Ematoncologia pediatrica visibilmente emozionata: “Si tratta di una giornata considerevole per tutti i bambini ricoverati presso la struttura ospedaliera. Avremmo voluto che fossero a casa per trascorrere l’Epifania, ma per alcuni di loro non è stato possibile. Strappare loro un sorriso, dare l’impressione dell’aria di festa è per noi molto importante”.

Presente anche Fabio Celia, direttore commerciale dell’Associazione dei “Fratelli Catania Group” e del marchio “Sento più di prima” il quale ha speso parole importanti per questa manifestazione: “La famiglia Catania ha voluto far felici i piccoli pazienti in un momento di difficoltà. Abbiamo cercato di ridare dignità e sorriso a questi giovanissimi ragazzi che passeranno, purtroppo, la giornata chiusi in ospedale”. L’iniziativa, volta a far sorridere i piccoli ed i loro cari in un momento difficile della loro vita, si é svolta grazie alla collaborazione dei genitori dei bambini, del personale medico sanitario e del direttore sanitario che hanno accolto favorevolmente l’idea.

Le calze donate ai bambini del “Pugliese”