Infrastrutture, M5s: “Basta ritardi per il porto di Catanzaro”

Il Movimento 5 Stelle presenterà un’interrogazione parlamentare “per fare chiarezza sui ritardi nei lavori del completamento del porto di Catanzaro Lido”. Lo ha annunciato il deputato MSs Paolo Parentela nel corso dell’iniziativa “Il Porto che non c’è”, organizzata dal Meetup di Catanzaro, in collaborazione con l’associazione “Insieme in Movimento”, per fare il punto sulla realizzazione del porto del capoluogo di regione. “Con questa iniziativa – ha proseguito Parentela – vogliamo in primo luogo fare un atto di accusa contro la malapolitica e la malaburocrazia che in passato hanno affossato in Calabria i lavori pubblici. Purtroppo, negli anni sia destra che sinistra hanno giocato una squallida partita a danno dei calabresi e dei catanzaresi, lasciando innumerevoli incompiute, come il porto di Catanzaro Lido”. Il deputato del Movimento 5 Stelle ha poi ricostruito l’iter dei lavori per il porto, ricordando che “il Comune di Catanzaro il 3 agosto scorso ha avviato il bando per concludere la progettazione di spesa dei 20 milioni di euro stanziati dal Cipe per il completamento dell’opera, ma ci sono stati ritardi inspiegabili anche a causa delle lentezze della Regione nel trasferire i fondi al Comune.

Questi fondi oggi sono disponibili ma il crono-programma previsto, e annunciato anche dal sindaco di Catanzaro, ovviamente non è rispettato. Siamo stanchi di vedere questo porto inutilizzato. Come deputazione parlamentare del M5s con il nostro governo – ha aggiunto Parentela – ci stiamo impegnando al massimo per sbloccare i cantieri, e infatti nella prossima settimana discuteremo alla Camera il Decreto ‘Sblocca cantieri’, ma gli enti locali devono iniziare a fare la loro parte. Parentela ha quindi aggiunto: faremo un appello, attraverso un’interrogazione parlamentare ai nostri ministeri di competenza, affinché si chiarisca lo stato dell’arte dei lavori del porto di Catanzaro Lido e si avvii una sorveglianza e un monitoraggio costante per non disperdere le risorse per questa infrastruttura, che è strategica per il capoluogo di regione”. All’iniziativa hanno preso parte anche gli altri parlamentari M5s Bianca Laura Granato, Silvia Vono e Giuseppe D’Ippolito e gli attivisti del Meetup di Catanzaro, tra cui Roberto Colosimo, dirigente del ministero delle Infrastrutture: gli attivisti hanno rimarcato l’importanza di questo evento, “utile – hanno spiegato – per evidenziare le tante vicissitudini politiche, burocratiche e amministrative che finora hanno impedito ai catanzaresi di godere a pieno del porto, importante infrastruttura attesa dagli anni ’60 e oggi completata solo in parte e soprattutto per accelerare la conclusione dei lavori”. Sul tema, inoltre, la deputazione parlamentare del Movimento 5 Stelle ha ribadito massima disponibilità al confronto con le istituzioni locali.

Redazione Calabria 7

Fonte