Il cane Max fiuta la droga davanti al ‘Petrucci’

Polizia attiva anche all'alberghiero di Botricello

Un giovane denunciato a piede libero e due arresti ad altrettanti ragazzi. E’ questo il bilancio della Polizia di Stato dopo la serie di controlli volti a prevenire e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti in prossimità delle scuole. Nelle scorse ore, durante l’ora di uscita degli studenti dell’Istituto scolastico per Geometri “Petrucci” del capoluogo, il cane Max ha notato e fiutato con insistenza uno zaino in spalla ad un minorenne. Lo stesso, dopo essere stato invitato a fermarsi dal personale della Squadra Volante con un’unità cinofila del reparto di Vibo Valentia, ha tentato invano la fuga per eludere il controllo, lanciando a terra anche una bustina trasparente. All’interno, gli agenti hanno rinvenuto 1 involucro confezionato con del nastro isolante contenenti sostanza stupefacente del tipo marijuana, altri 3 involucri con sostanza stupefacente del tipo hashish e 1 dose della medesima sostanza priva di confezione. All’interno dello zainetto, invece, sono stati trovati 64,00 euro, ripartiti tra banconote e monete. Del materiale in questione, del quale lo studente aveva cercato di disfarsi, non sono state fornite valide giustificazioni. Il ragazzo, 17enne di Catanzaro, è stato accompagnato prima nella sua abitazione e in seguito, con la presenza del padre, condotto negli uffici della Questura. La Polizia Scientifica, successivamente, ha confermato la natura delle sostanze stupefacenti, corrispondenti  a 1,95 grammi di marijuana e 2,59 grammi di hashish, che unitamente al denaro, sono state poste sotto sequestro. Il ragazzo, dopo l’affidamento al genitore è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria in quanto colto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da Catanzaro alla provincia, il personale della Squadra Mobile ha continuato l’attività di controllo nei pressi dell’Istituto Alberghiero  di Botricello, dove i due sono stati fermati all’atto della cessione  dello stupefacente a due ragazzi. Controlli che hanno portato all’arresto di due catanzaresi, P.R. di 22 anni e S.V. di 20 anni, perché responsabili di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Entrambi i giovani sono stati fermati proprio mentre vendevano stupefacenti a due ragazzi. Il tutto è stato reso possibile dopo che i poliziotti avevano notato una Wolkswagen, ferma a bordo strada, e due ragazzi che, impegnati a ricevere dal conducente dell’auto un involucro. Una scena che ha insospettito alcuni agenti i quali, dopo un breve inseguimento, hanno bloccato i due giovani. Durante la corsa, uno dei due aveva lanciato un involucro nel cortile dell’Istituto Alberghiero. Altri agenti, invece, sempre più insospettiti, hanno bloccato la Wolkswagen, con a bordo due soggetti, che tentava di sfuggire al controllo. All’interno dell’involucro recuperato nel cortile della scuola vi erano 34,21 grammi di marijuana, immediatamente sottoposta a sequestro. Le perquisizioni successiva all’interno dell’auto e sui due soggetti all’interno, hanno portato alla scoperta di 275,00 euro. Di questi, ben 250,00 euro erano stati pagati, poco prima, per la cessione dello stupefacente ai ragazzi, uno dei quali ha riferito di essere un assuntore di  marijuana. P.R. ed S.V., cosi,  sono stati tratti in arresto per il reato di cessione di sostanze stupefacenti e su disposizione del P.M. di turno sottoposti ai domiciliari presso le proprie abitazioni in attesa del rito direttissimo.