Grinder e pochi grammi di droga: obbligo di dimora a 29enne

Carabinieri di Soverato in azione nel comune di Montepaone

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, supportati dalle  Stazioni di Soverato e Guardavalle, hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso l’abitazione de 29enne Nicol Durante, ex sorvegliato speciale di pubblica sicurezza e già gravato da segnalazioni specifiche, residente nella frazione superiore del Comune di Montepaone.

Nel corso dell’attività, i militari, dopo aver individuato nella cameretta del figlio un grinder con residui di sostanza verdastra, hanno esteso le ricerche nelle pertinenze esterne, nell’area posta sul retro, rinvenendo, abilmente occultati all’interno di uno dei fori per acque di scolo presenti sul muro di contenimento, una busta in cellophane contenente un sacchetto in plastica trasparente per alimenti con all’interno circa 6 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e un coltello da cucina utilizzato per la preparazione e il confezionamento delle dosi.

Inoltre, in un capanno in uso al soggetto, tra le pieghe interne del telo che consentono l’accesso alla struttura, sono stati rinvenuti ulteriori due sacchetti contenenti, rispettivamente, 4 e 14 grammi circa della medesima sostanza stupefacente. Inevitabilmente è scattato l’arresto, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio.

La sostanza sequestrata, sulla cui provenienza sono tuttora in corso accertamenti, previo campionamento, verrà inviata presso il L.A.S.S. (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) di Vibo Valentia, per le analisi qualitative di rito.

Il G.I.P. di turno presso il Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto, disponendo la misura cautelare dell’obbligo quotidiano di presentazione alla polizia giudiziaria, con contestuale obbligo di dimora nel Comune di Montepaone, nonché di permanenza domiciliare dalle 21 alle 7.