Giovani annegati a Lido: sommozzatori alla ricerca dei corpi

Tanti amici extracomunitari in dolorosa attesa sulla spiaggia

Pomeriggio triste e movimentato quest’oggi a Catanzaro Lido, all’altezza della zona Murano.

Erano circa le 17 quando due ragazzi circa venticinquenni per inseguire un pallone finito a mare si sono tuffati senza fare più ritorno sulla spiaggia. Dalle prime indagini esperite dai Carabinieri con alcuni amici e passanti pare che i giovani non sapessero nuotare e che uno dei due sia andato in soccorso dell’altro trovando anch’esso la morte.

Altra ipotesi è che uno dei due ragazzi, accaldato e sudato per il sole e qualche palleggio sull’arenile, abbia tentato di recuperare un pallone in acqua, subendo una congestione fulminante. Nulla da fare anche per l’altro tuffatosi per soccorrere l’amico.

Subito si è messa in moto la macchina dei soccorsi, un elicottero ha sorvolato la zona mentre via mare una motovedetta della Guardia Costiera ha più volte battuto la costa e il largo senza riuscire a trovare i corpi ormai senza vita dei due africani. A terra presenti tutti i corpi armati: Polizia, Carabinieri, Finanza. In poco tempo sono arrivanti anche i Vigili del Fuoco e con loro un’ambulanza che ha dovuto successivamente soccorrere un amico dei due ragazzi – presente insieme ad una numerosa comitiva di colore – a causa di malore.

Tantissimi i curiosi sul lungomare, un po’ di incredulità e di dispiacere per tutti per una giornata veramente triste che ha visto la scomparsa assurda di due giovani che hanno attraverso il Mediteranno in cerca di un futuro e di una vita migliore e invece hanno trovato la morte inseguendo un pallone, in genere sinonimo di vita e di spensieratezza.

In serata  è arrivato sul posto anche il nucleo sommozzatori da Reggio Calabria nella speranza di poter consegnare ai loro amici – che disperati sono rimasti addolorati sulla spiaggia tutto il pomeriggio – almeno i corpi.

Alessio Codispoti