Furto di auto a Lido, fermato sorvegliato speciale

Ritenuto responsabile per la violazione degli obblighi impostigli dalla sorveglianza speciale e per essere stato trovato in possesso di arnesi atti allo scasso, è finito in manette. Si tratta di Stefano Bevilacqua, fermato nella tarda serata di ieri, dal personale della Squadra Volante e del Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia. Gli agenti allertati da una telefonata da parte di un cittadino per il furto di un’autovettura avvenuto nei pressi del sottovia della Stazione ferroviaria, nel quartiere lido di Catanzaro, hanno subito avviato una serie di controlli sul territorio. In prima istanza arrivati sul posto hanno potuto accertare che ignoti avevano asportato due pneumatici completi di cerchi da un veicolo parcheggiato nella zona segnalata. Nelle vicinanze è stata subito individuata un’auto con a bordo due giovani nomadi, poi risultati essere il predetto sorvegliato speciale Stefano Bevilacqua e B.M. di anni 32, pregiudicato di Catanzaro. La perquisizione personale a carico dei due ha permesso di  rinvenire alcuni attrezzi atti allo scasso, subito sottoposti a sequestro.

Accertate le violazioni delle prescrizioni di legge imposte con la misura di prevenzione della sorveglianza speciale della PS, Bevilacqua è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. Inoltre lo stesso è stato denunciato in stato di libertà in concorso con altra persona per il reato di possesso ingiustificato di attrezzi atti allo scasso.

Durante il servizio di controllo del territorio il personale della Squadra Volante ha proceduto al ritrovamento di tre automobili (due Fiat Cinquecento e una Fiat Ducato), che risultavano rubate da ignoti. Dopo i controlli i veicoli sono stati restituiti ai legittimi proprietari. 
(R.M.)