Ferro in piazza a Roma con i candidati al concorso allievi Polizia

“Siamo stati in piazza con loro nei mesi scorsi e lo siamo anche oggi davanti a Montecitorio per chiedere al Governo e alla maggioranza di far scorrere la graduatoria per il concorso allievi di Polizia”.

Così i deputati di Fratelli d’Italia Wanda Ferro, Salvatore Deidda e Emanuele Prisco sono intervenuti  in merito alla vicenda dei candidati al concorso allievi Polizia di Stato, la cui graduatoria scorrerà, ma i cui criteri sono stati cambiati in corso d’opera da un emendamento della maggioranza nel Decreto Semplificazioni.

“Non chiedono di entrare direttamente, ma solamente di poter affrontare l’ultima prova, quella fisica attitudinale. Se il Governo non cambiasse decisione, verrebbero scavalcati da chi ha l’unico requisito l’essere più giovane di 26 anni, mentre il bando a cui hanno partecipato e superato le prove prevedeva l’età di 30 anni”. “Non si possono cambiare le regole e i requisiti di un concorso a graduatoria fatta. O la chiudi e fai un nuovo concorso, ma non puoi scegliere chi più ti aggrada.

Non è una short list o una selezione a chiamata” concludono gli esponenti di Fdi che hanno presentato diversi emendamenti al cosiddetto Decretone ora in discussione in Commissione.

Redazione Calabria 7

Fonte