Elezioni Lamezia: guazzabuglio-scrutinio e pareri Mascaro-Pegna (SERVIZIO TV)

di Nico De Luca –

Dopo oltre 12 ore dalla chiusura dei seggi c’è ancora qualche sezione che non ha ancora consegnato i faldoni chiusi con le schede verbalizzate.

     

E’ il guazzabuglio dello scrutinio che ha interessato tantissimi (troppi) presidenti di seggio ed anche molti scrutatori. Qualcuno ha dovuto ricorrere alle cure ospedaliere e chi lo ha sostituito non aveva alcuna nozione sul da farsi.

Inoltre la solita massa di schede nulle e bianche che potrebbe condizionare il quorum di qualche lista e suscitare propositi di ricorso in grado di congelare ancora una volta l’amministrazione della città.

In tutto questo bailamme si stagliano le figure dei due candidati sicuri del ballottaggio: si tratta di Paolo Mascaro, il sindaco decaduto due anni fa causa scioglimento del consiglio per infiltrazioni mafiose; e di Ruggero Pegna, candidato sindaco del centrodestra pur senza la Lega.

Già troppo staccato per cullare sogni di ballottaggio l’imprenditore Eugenio Guarascio, candidato dal PD.

Un po’ per la delusione cocente, un po’ per la veglia e le fatiche notturne a mantenere l’impegno di commentare l’esito del voto, positivo o negativo che fosse, sono stati solo i primi due.

Quelli che domenica 24 novembre si contenderanno la poltrona a sindaco: Mascaro e Pegna.

© Riproduzione riservata.

Fonte