Elezioni Lamezia: Cristiano, Piccioni e Zizza su protesta bimbi disabili

(ndl) Mette tutti d’accordo tre dei sei candidati a sindaco la protesta inscenata dai genitori di alcuni bambini disabili che davanti all’ospedale di Lamezia Terme hanno invocato l’intervento del commissario Cotticelli.

Di seguito gli interventi di Cristiano, Zizza e Piccioni

      MASSIMO CRISTIANO 

Ieri sera nel corso di un incontro televisivo ho appreso in diretta del dramma che stanno vivendo i genitori di circa 1500 bambini disabili del distretto sanitario, cui il servizio pubblico non garantisce adeguata assistenza. Proprio oggi hanno iniziato una forma pacifica di protesta. Ho chiesto, nel corso della diretta televisiva, di inviare immediatamente al Commissario Cotticelli, un documento di formale protesta, firmato da tutti i candidati a Sindaco. Un commissario che, da quanto ho appreso, si rifiuta di ricevere i genitori che chiedono ancora una volta udienza al commissario ad acta della sanità regionale. Bisogna mettere fine alla spoliazione dell’Ospedale di Lamezia che, lo ricordo a me stesso, copre un utenza di 150.000 persone. Un progressivo declino che oggi purtroppo colpisce anche i disabili, tutto questo è inaccettabile. Auspico che nelle prossime ore ci sia un confronto su una tematica veramente incresciosa. Esprimo compiacimento a tutto il personale medico e paramedico oggi costretto ad operare in condizioni di oggettiva difficoltà a causa dei continui tagli imposti da chi oggi governa la sanità calabrese.

ZIZZA – MOVIMENTO 5 STELLE

Oggi c’è stata una vibrata protesta di alcuni familiari di bambini portatori di handicap presso l’ospedale di Lamezia Terme. Non è la prima volta che purtroppo questi cittadini non vedono riconosciuti i loro diritti.

Questa mattina ero al loro fianco e per non rendere pura retorica la mia presenza al sit-in abbiamo pensato di agire.

Tramite gli attivisti del Movimento Cinquestelle di Lamezia, ci siamo adoperati per fare da “cassa di risonanza” alle loro richieste e tramite l’Onorevole Giuseppe D’Ippolito c’è stata immediata risposta.

D’Ippolito ha inviato una richiesta di incontro al Generale Saverio Cotticelli e alla Dottoressa Maria Crocco, rispettivamente , Commissario e sub-commissario ad acta Piano di rientro Sanità Calabria.

” Con la presente – scrive il parlamentare del M5S – Vi chiedo di voler ricevere al più presto una delegazione dei familiari di portatori di disabilità residenti a Lamezia Terme e dintorni, i quali lamentano, da ultimo con una civile protesta di stamani presso l’ospedale di Lamezia Terme, carenze di personale in ordine all’assistenza dovuta all’intesa categoria di persone svantaggiate, particolarmente tutelate dalla legge. Per il tramite degli attivisti lametini del Movimento 5 Stelle, gli stessi familiari hanno manifestato l’esigenza, che ho compreso e raccolto immediatamente, di esporre le loro necessità alla Struttura commissariale per l’attuazione del piano di rientro dal disavanzo sanitario della Regione Calabria.”

Siamo certi, che il Commissario voglia rispondere in maniera positiva ed in tempi veloci alla nostra richiesta, se ciò non avverrà ci affiancheremo in maniera decisa alla protesta dei genitori finchè non si sia dato ascolto e risoluzione dei problemi a questi cittadini di Lamezia.

ROSARIO PICCIONI

“Il grido di allarme lanciato dai genitori dei bambini con disabilità questa mattina di fronte all’ospedale non può rimanere inascoltato da chi oggi guida la sanità in Calabria. Già ieri, nell’incontro dedicato al tema della sanità e delle politiche sociali, abbiamo sollevato questo tema che per noi è una priorità: con i diritti fondamentali, a cominciare da quelli dei bambini, non si può perdere tempo, non si possono aspettare tempi e dinamiche della burocrazia. La prossima amministrazione comunale dovrà interloquire immediatamente in maniera decisa con i vertici dell’Asp e il commissario ad acta perché al più presto vengano attivate quelle figure professionali necessarie per garantire ai bambini con disabilità il loro percorso riabilitativo. Nelle scorse settimane abbiamo incontrato anche alcune famiglie colpite dai tagli di ore degli educatori per quanto riguarda l’assistenza scolastica. La prossima amministrazione dovrà fare di tutto, già dai prossimi mesi, per aumentare il numero di ore e porre rimedio ai danni causati a famiglie e bambini dalle scelte di questa commissione straordinaria”, così il candidato a sindaco Rosario Piccioni

© Riproduzione riservata.

Fonte