Crisi Governo, Battaglia: si vada al voto

“La crisi di governo che in queste ore ha rimesso al centro dell’agenda politica italiana la ricerca di una nuova maggioranza parlamentare può a mio avviso essere risolta in un modo soltanto: con il ritorno alle urne degli italiani”.

Lo ha affermato il consigliere comunale Demetrio Battaglia. “La mia riflessione, in quanto cittadino, amministratore e anche avvocato e giurista – ha aggiunto Battaglia – è motivata dal semplice fatto che, una volta acclarata l’impossibilità di individuare una nuova maggioranza parlamentare con le forze politiche che hanno vinto le elezioni di marzo 2018, vale a dire il Movimento 5 Stelle e la Lega, ritengo sia ingiusto, nei confronti degli italiani, continuare a cercare soluzioni alternative per non sciogliere le Camere. Movimento 5 Stelle e Pd insieme per continuare ad andare avanti con un governo tecnico? Per quale motivo i democratici possono candidarsi come forza di maggioranza se hanno perso clamorosamente alle elezioni? Un governo così composto sarebbe anti-costituzionale. Lo stesso tentativo della Lega e di Salvini di tornare sui propri passi mi sembra, e credo paia lo stesso a tanta altra gente, una disperata uscita di un portiere di calcio. Anche la volontà di procedere con il taglio dei parlamentari, condivisibile visto che non ci sono le  condizioni per una maggioranza qualificata, si trasformerebbe solo in un ostinato attaccamento alla poltrona”.

       

Battaglia ha poi spiegato quanto a suo avviso “l’unica posizione legittima e cristallina, a cui mi sento di dare in tutta umiltà il mio assenso, sia quella di Fratelli d’Italia, che ha chiesto da subito di tornare al voto per ridare la parola agli italiani. Chiarisco che non è, il mio, un endorsement nei confronti del partito della Meloni, e quindi spero che non si facciano strumentalizzazioni che non avrebbero alcun fondamento, ma non posso non sottolineare come siano solo gli elettori, il popolo sovrano, a poter decidere da chi farsi governare”.

Fonte