Covid-19, Cassandra (Sud Democratici): C’è un’ala del Policlinico di Germaneto da precettare in caso di ulteriori emergenze

Covid-19, Cassandra (Sud Democratici): C’è un’ala del Policlinico di Germaneto da precettare in caso di ulteriori emergenze 26 Marzo 2020

È da circa un mese, tempo molto importante in questa fase di grave emergenza, che il Partito Democratico di Catanzaro, il consigliere regionale Libero Notarangelo ed altri consiglieri regionali  di opposizione, numerose associazioni e movimenti della citta’, rappresentanti di movimenti di rilievo nazionale, ma anche illustri professionisti della sanità e non solo, stanno chiedendo, insistentemente, di utilizzare una intera ala (90 posti letto estensibili), libera da sempre, del Policlinico universitario per ospitare, qualora ce ne fosse bisogno gli infettati del Coronavirus che necessitano di essere spedalizzati, quale soluzione piu’ razionale e piu’ efficace per affrontare l’emergenza in corso.  

È una richiesta che non può essere contrastata, è la più ovvia e logica, sotto ogni profilo. Non aver ancora   deciso in tal senso, carica di grave responsabilità chi ha il dovere di assumerla, che invece inventa soluzioni alternative, e chi di accoglierla e realizzarla urgentemente. 

   

A tal proposito il Rettore dell’Università Magna Grecia, prof. De Sarro, scrive: Per ciò che attiene la mancata attivazione di ulteriori plessi a scopo assistenziale si sottolinea che la stessa non dipende dall’Ateneo che è da anni, al contrario, ne sta chiedendo l’attivazione per ampliare la recettività ospedaliera e cosi garantire un centinaio di posti letto: ma le competenti autorità sono rimaste e rimangono silenti.

Domanda al Magnifico Rettore: L’Università ha chiesto a quelle che definisce, genericamente, competenti autorità, di utilizzare con tutta urgenza la parte disponibile del Policlinico per l’emergenza coronavirus? E se no, perché non è stato fatto? Ancora, chi ha proposto la “costruzione” di un corpo aggiuntivo al Policlinico, pur in presenza di una più che sufficiente disponibilità di posti nella struttura già organizzata? L’Università, purtroppo, non contrasta tale soluzione, ma anzi, per come appreso si riporta, la si condivide. 

Scrive il Magnifico rettore: Si è appreso inoltre da recenti articoli di alcune testate giornalistiche che sarebbe intendimento della Regione realizzare con il coordinamento dell’Agenzia del Demanio, una struttura ad hoc, vicine al Policlinico, di circa 80 posti letto di terapia intensiva e sub intensiva. A tale proposito s’informa che laddove tale proposta dovesse essere formalizzata, l’Ateneo si renderebbe disponibile a questa diversa soluzione.

Domanda: diversa soluzione da quale? Quella dell’utilizzo dei 90 posti letto all’interno del Policlinico, che potrebbero diventare anche 180. La lettura di quanto scrive l’Università, porta a capire che si sostiene la soluzione del corpo aggiuntivo e non il pieno utilizzo del Policlinico .  

 

Si sono perse settimane importanti. 

Credo che la deputazione calabrese dovrà subito investire il Ministero della Sanità, denunciando quanto sta avvenendo a Catanzaro.

Il Sindaco della città ha il dovere, nell’interesse delle persone, d’intervenire con energia per fare piena luce.

Con la consapevolezza   che siamo dentro una guerra  , di fronte all’immane ed eroico  sacrificio che tanti operatori della sanita’ stanno sostenendo , all’impegno straordinario  che i cittadini hanno assunto , non si puo’ non fare tutto cio’ che e’ necessario per fronteggiare questa emergenza  dove e’ in gioco la vita delle persone.      

Il Presidente  dell’associazione Sud democratici

 Massimiliano Cassandra

 

      

    

© Riproduzione riservata. Condividi

Fonte