Consiglio comunale congiunto Catanzaro-Lamezia: telefonata tra i presidenti dei consigli

Il Consiglio comunale congiunto fra Catanzaro e Lamezia Terme è stato il centro del colloquio telefonico che il presidente Marco Polimeni ha avuto con il suo omologo Pino Zaffina.

Ringraziandolo per la lettera aperta indirizzatagli nei giorni scorsi, Polimeni ha condiviso con Zaffina la necessità di rilanciare l’asse fra Catanzaro e Lamezia attraverso un’assemblea congiunta che individui alcuni punti fermi nella strategia di potenziamento dell’area centrale della Calabria: “Zona centrale per la regione non solo dal punto di vista geografico, ma per il suo sviluppo socio-economico”, è stato sottolineato. Polimeni ha pertanto ribadito l’importanza, già sottolineata da Zaffina, di un indispensabile collegamento ferroviario veloce con l’aeroporto. “Unire in modo rapido e sostenibile i centri urbani più grossi della provincia – ha spiegato – è il primo punto da realizzare se si vuole davvero far crescere la Calabria”.
Il presidente del Consiglio comunale di Catanzaro ha anche illustrato al suo collega lametino la volontà di presentare, nel corso dell’assemblea congiunta, un ordine del giorno finalizzato a sensibilizzare il Governo a modificare la norma sullo scioglimento dei Consigli comunali per infiltrazioni mafiose. “Dopo averne discusso anche con l’Anci nazionale, registrando – ha detto – numerosi pareri favorevoli, non ci sarebbe occasione migliore del Consiglio congiunto Catanzaro-Lamezia per presentare un documento definitivo che possa riportare al centro dell’agenda politica una tematica – ha concluso – che ha riguardato direttamente Lamezia ma che tocca da vicino tantissimi Comuni del Paese”.

Redazione Calabria 7

      © Riproduzione riservata.

Fonte