Celia: “Cancelli chiusi scuola via Forni, serve servizio di accettazione dei bambini”

“Catanzaro deve essere una città a misura di famiglia e per questo è necessario organizzare e rendere fruibili dei servizi che possano migliorare la vivibilità quotidiana della città. Quanto accaduto questa mattina presso la scuola di via Forni, dove si sono avuti momenti di tensione per la protesta di alcuni genitori che lamentavano i cancelli chiusi fino alle 8, non deve accadere e perché non succeda deve essere previsto un servizio di accettazione dei bambini nelle scuole”.

Lo afferma il consigliere comunale di Fare per Catanzaro, Fabio Celia, in merito a quanto accaduto questa mattina in una scuola della zona sud del capoluogo di regione, dove i cancelli chiusi fino alle 8 hanno costretto i bambini a rimanere fuori, compresi quelli giunti con lo scuolabus.

     

“La chiusura dei cancelli – prosegue Celia – non è responsabilità delle insegnanti o del personale scolastico, ma una necessità dettata dalla sicurezza. Tuttavia, per quanto comprensibili le ragioni che pongono in essere tale provvedimento non si può ignorare il disagio vissuto da tanti genitori che hanno difficoltà ad accompagnare e a prendere i loro figli da scuola.

Se fosse organizzato un servizio di accettazione, magari a partire dalle 7.45, organizzato con personale predisposto e con le dovute garanzie, i genitori, soprattutto quelli che lavorano, potrebbero vivere con maggiore serenità la loro quotidianità.

Una città che si considera civile e a misura di famiglia deve offrire simili servizi. Pertanto, conclude Celia, si pensi ad una possibile soluzione, soprattutto in vista del freddo e considerando gli zaini pesanti che i bambini portano sulle loro spalle. La problematica deve essere affrontata, i catanzaresi pretendono una città che funzioni e, almeno dove possibile, la si faccia apparire tale”..

Fonte