Catanzaro, Serrao: “Perchè consiglio comunale non rispetta leggi e regolamenti?”

“C’è un punto fermo che dovrebbe sempre orientare i lavori del Consiglio Comunale di Catanzaro: questo è la legalità ed il rispetto dei regolamenti. Su questo terreno quando l’iniziativa non avviene d’ufficio, basta la segnalazione o l’istanza di qualsiasi elettore, cosa che faremo formalmente la prossima settimana, almeno in base a quanto si richiama nel T.U.E.L., che regola e norma il funzionamento degli organismi elettivi. Vogliamo rilevare che il Consiglio Comunale di Catanzaro non ha brillato ultimamente per rispetto delle regole, per come non ha brillato per trasparenza e, francamente, la vicenda “commissioni” resta una macchia indelebile sulla credibilità di un organo elettivo, che continua ad arrancare e non offre niente che possa essere degno di merito.”

Lo afferma in una nota Alfredo Serrao, Presidente dell’Associazione “I Quartieri”.

     

“In questo clima di omertà politica si comprende perché a Catanzaro le riprese video dei lavori del Consiglio Comunale sembrano un peccato capitale, però di contro il drone lo facciamo volare sulla città e lo pubblicizziamo sulle pagine web dell’Amministrazione Comunale! Qualcuno direbbe misteri della Fede! Noi invece ribattiamo soltanto dicendo: misteri. E siccome i misteri sono ormai troppi, tanti per un limite di decenza della politica stessa, allora sarebbe opportuno segnalare al Presidente del Consiglio Comunale ed al Segretario Generale del comune di Catanzaro – che peraltro svolge le funzioni di notaio del consiglio stesso – che “sembrerebbe” che ci siano consiglieri comunali che di fatto sono ampiamente “decaduti”, non fosse altro che per il rispetto dell’articolo 40 del regolamento che norma i lavori dell’assise cittadina.

Se è così, fermo restando il condizionale d’obbligo, allora bisogna procedere secondo quanto disposto dal T.U.E.L. all’articolo 69, come è richiamato nel regolamento comunale, per non incorrere in una falsificazione politica della composizione dell’aula, ma soprattutto per invertire quella tendenza negativa che connota questo Consiglio Comunale, e cioè di mancato rispetto delle regole e delle norme di legge. Aspettiamo l’impegno del Presidente Polimeni, perché proceda all’immediata dichiarazione di decadenza dei consiglieri assenti dai lavori del Consiglio Comunale senza giustificazione, che peraltro non può più essere resa per scadenza dei termini.”

Redazione Calabria 7

Fonte