Caos Comune, Forza Italia in sospeso fra addio Abramo e “scusa abbiamo scherzato”!

di Danilo Colacino – Capitolo dimissioni a Palazzo De Nobili: finora solo in pochi le hanno rassegnate formalmente.

E si tratta del gruppo di centrosinistra, quella vero come ribadiamo ad ogni occasione in cui trattiamo l’argomento, rappresentato da Nicola Fiorita, Gianmichele Bosco, Fabio Celia, Roberto Guerriero e Libero Notarangelo.

Il resto, vale a dire la posizione degli altri presunti ‘defezionari’, non ha ancora assunto contorni chiari e ben definiti, a partire dal comportamento della compagine consiliare di Forza Italia che dando corso a quanto finora soltanto annunciato ‘chiuderebbe nell’angolo’ il sindaco Sergio Abramo e i suoi fedelissimi a quel punto non più nelle condizioni di ‘nicchiare’.

     

Persino un ipotizzato computo di 17 a 15 (ottenuto sommando i forzisti e gli affini più i colleghi citati), in favore del primo cittadino in quel caso legittimato dai numeri ad andare avanti, sarebbe infatti emblematico della situazione in cui versa una città dove gran parte della classe dirigente è sempre più travolta dagli scandali.

Senza contare che le ‘stampelle’ di Abramo in Comune dovrebbero fare salti mortali per giustificare la loro scioccante scelta, pur essendo stati eletti in aperto contrasto con l’alfiere del centrodestra. Sarebbe insomma una sorta di showdown in cui le maschere cadrebbero una via l’altra.

Ma niente di tutto ciò accadrà senza l’effettiva mossa di Forza Italia che, arrivati a questo punto, non può limitarsi a una posizione…tutto chiacchiere e distintivo! Così fosse, sarebbe facile esclamare per qualcuno: “Scusate, abbiamo scherzato”, ovvero la negazione dei principi ispiratori della buona Politica. Quella con la P maiuscola, appunto. 

© Riproduzione riservata.

Fonte