Cane investito: ‘Le cose sono andate diversamente’

Il caso di martedì 24 luglio a Cropani

In relazione ad un articolo di cronaca da noi pubblicato ci giunge in redazione una lettera firmata che prega di ristabilire la verità delle cose. Poiché la considerazione verso gli animali e soprattutto il loro soccorso in caso di incidenti è questione di primaria importanza (tant’è che è stata da poco resa più severa la normativa per il mancato soccorso) riteniamo di pubblicarla rimanendo disponibili ad altri eventuali contributi su questi o altri casi del genere.

Gentile redazione,  a fronte di quanto accaduto mi preme principalmente riferire una corretta informazione della vicenda  in quanto nell’articolo vi sono dichiarazioni totalmente false, molto lontane dalla verità. Vorrei far notare che le telefonate al 115 sono state effettuate dopo mia indicazione dal telefono di un signore che si è fermato per vedere cosa fosse successo in quanto mi trovavo impegnato a capire come disincastrare il povero animale.

Il signore non sapendo spiegare l’accaduto mi passa il suo telefono, nella telefonata mi qualifico indicando il mio cognome e spiegando l’accaduto, il tutto è chiaramente registrato come avviene nella prassi delle sale operative di soccorso, quindi la signora che ha investito il cane non ha mai chiamato nessuno anzi ha proseguito per la sua destinazione e dopo un mio inseguimento per un kilometro circa riesco a bloccare la conducente avvisandola dell’animale incastrato dicendomi appena scesa per constatare con i suoi occhi,  di aver urtato il cane si ma pensando di averlo sfiorato (versione poco credibile vista l’entità del danno.) Probabilmente credo che …sapeva di aver investito il cane ma ha preferito non fermarsi inoltre, avrebbe dovuto assumersi le proprie responsabilità verificando in ogni casoe e constatando se il cane fosse ferito o meno. Gli stessi vigili del fuoco una volta arrivati sul posto non sapevano a chi rivolgersi per avere il supporto di un veterinario e sempre su mia indicazione dopo una mia telefonata ad un numero di mio possesso  richiedo e faccio intervenire un veterinario ASP che si appresta ad arrivare in tempi brevissimi.

Ho provato anche a chiamare il comune stesso di Cropani ma non ha mai risposto nessuno, ci tengo inoltre a precisare che Le condizioni del cane dopo un interessamento da parte di mia sorella che si è messa in contatto con il veterinario che lo ha in cura al momento sono in fase di accertamento e si sospetta una frattura della colonna). Vorrei approfittare della nota chiedendo alla redazione di lanciare un appello per sensibilizzare le persone a soccorrere gli animali investiti per strada, ogni giorno avvengono tantissimi incidenti ma non vengono prestati i dovuti soccorsi, “a tal punto vorrei ricordare che si tratta di reato penale” e vorrei sensibilizzare anche le amministrazioni comunali poco sensibili affinchè si adotti un piano per la tutela degli animali randagi.” 

Lettera firmata