Bando su Giovino: “Qui è accaduto qualcosa di gravissimo”

“Chi è stato il responsabile del fallito blitz delle “teste di cuoio” che volevano consegnare Giovino ai proprietari dei terreni? Chi ha pubblicato l’illegale bando che mascherava la tripartizione dell’area ? Chi lo ha ritirato ? La storiella che nessuno ne sapeva niente non regge. Qui è accaduto qualcosa di gravissimo”.

Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali di Fare per Catanzaro.

“Non lo ha detto uno qualsiasi, lo ha detto il vicesindaco Cardamone, nonché coordinatore cittadino di Forza Italia, lo stesso partito dell’assessore all’urbanistica Modestina Migliaccio Santacroce. Cardamone ha dichiarato ad un giornale che nessuno in giunta sapeva della pubblicazione del bando. La Migliaccio Santacroce invece parla di procedura corretta e di semplice errore materiale da una sezione all’altra del sito ufficiale del Comune. Tutti smentiscono tutti. Abramo e Cardamone sfiduciano l’assessore che, a questo punto, sarebbe l’unica responsabile di questo gravissimo atto illegale. Che ne pensa il coordinatore provinciale di Forza Italia di questo scaricabarile tutto interno al suo partito ? Sono dei cannibali che si sbranano uno con l’altro per salvarsi. Ma nessuno crede a questa favoletta che nessuno sapeva. Ha ragione l’associazione I Quartieri quando dice che solo l’intervento della magistratura potrà acclarare quanto è accaduto e chi sono i responsabili di questa indegna forzatura, di questa accelerazione per scavalcare il Consiglio comunale e “regalare” Giovino ai costruttori in piena campagna elettorale.
Il segretario generale, anche nella sua veste di responsabile anticorruzione, deve immediatamente aprire un’inchiesta interna e segnalare tutto alla Procura della Repubblica, ammesso che anche lei non ne sapesse niente, il che sarebbe un ulteriore fatto gravissimo”.

 

Redazione Calabria 7

 

Fonte