Bando su Giovino, Migliaccio: “Nessuna anomalia”

Dichiarazione dell’assessore all’urbanistica, Modestina Migliaccio Santacroce:

“Sulla vicenda del comparto di Giovino il dirigente del settore Urbanistica Arch. Giuseppe Lonetti e  il responsabile del procedimento Arch. Giuseppe Fregola hanno proceduto ad attivare un procedimento in piena trasparenza trattandosi di un atto di pianificazione particolarmente incidente sulla intera comunità catanzarese considerati i profili ambientali e paesaggistici e le potenzialità occupazionali conseguenti alla valorizzazione turistica dell’area.

La normativa sulla trasparenza prevede la pubblicazione degli atti di governo del territorio allo scopo di consentire la certezza che tutti possono dare un contributo prima che si determinino atti amministrativi provvedimentali di approvazione definitiva. Ciò è quello che ha ritenuto di fare il settore urbanistica che, così come in altri procedimenti, ha pubblicato gli atti in termini di avvio del procedimento.

Tutti i cittadini possono visionare i contenuti degli atti in oggetto nella sezione amministrazione trasparente del portale del Comune di Catanzaro (http://www.comunecatanzaro.it/doc/amministrazione-trasparente//pianificazione-e-governo-del-territorio/proposte-di-trasformazione-urbanistica/individuazione-promotori-realizzazione-nuovi-insediamenti-turistico-alberghieri-della-zona-giovino.html). La pubblicazione nell’area “gare e appalti”, avvenuta nella giornata di ieri, è stata un mero errore formale.

Concludendo posso confermare che nessuna anomalia, nessuna illegittima condotta degli uffici, ma solo la pubblicazione preliminare di un atto dovuto per esigenze di trasparenza amministrativa. Sono numerosi i precedenti nei quali l’Ente ha pubblicato, in conformità con la legge, gli atti prima della loro approvazione proprio a tutela della loro legalità e assoluta trasparenza. L’auspicio è che in futuro alcuni consiglieri su argomenti di particolare complessità tecnica e procedurale possano preliminarmente confrontarsi con gli uffici preposti”.

Fonte